Juventus

Vedi Tutte
Juventus

Juventus, grave l'infortunio di Pjaca: rottura legamento crociato anteriore

Juventus, grave l'infortunio di Pjaca: rottura legamento crociato anteriore
© Getty Images

Il giovane calciatore croato, infortunatosi al ginocchio nell'amichevole della sua Nazionale contro l'Estonia, dovrà stare fermo per molti mesi

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 29 marzo 2017 13:05

ROMA - Come si temeva in casa Juventus, l'infortunio di Marko Pjaca è molto serio: il giovane attaccante si è rotto il legamento crociato anteriore del ginocchio destro. La lesione è arrivata ieri durante l'amichevole della Nazionale croata contro l'Estonia.

 A comunicare la gravità dell'infortunio del 21enne della Juve è stato l'account Twitter della Croazia con questo post: "Pjaca sarà costretto a una lunga assenza dai campi per la rottura del legamento crociato anteriore. A Marko auguriamo un recupero ottimale".
Stagione finita per Pjaca, che dovrà aspettare il campionato 2017/2018 per tornare sul rettangolo verde.


AMICHEVOLI: ESTONIA-CROAZIA 3-0

TEMPI - Si tratta di una vera e propria tegola per il talento croato della Juventus, che dovrà stare fermo almeno 6 mesi, naturlamente dopo essersi sottoposto ad un intervento chirurgico e alla relativa riabilitazione. A Pjaca è arrivata subito la solidarietà del compagno di squadra Marchisio su Twitter.

INDENNIZZO - La Juventus dovrebbe ora poter accedere all'indennizzo stabilito dal Fifa Protection Program, che risarcisce i club per infortuni di almeno 28 giorni maturati da un calciatore con la sua Nazionale. Il compenso è calcolato in un risarcimento pari allo stipendio quotidiano del giocatore, fino a 20.548 euro giornalieri, moltiplicato per un massimo di 365 giorni (per fare un esempio: il Napoli invece ricevette un indennizzo di circa 500mila euro per l'infortunio di Milik dell'ottobre 2016 con la Polonia).

PERISIC - Al sito croato Vecernji.hr, l'interista Ivan Perisic ha attaccato: "Il campo su cui abbiamo giocato è indegno del calcio professionistico e non c'è nessun motivo nell'organizzare partite di questo tipo. Consiglierei al signor Suker (capo Federcalcio croata) di scegliere meglio gli avversari con servizi di qualità superiore, perché possiamo solo perdere più giocatori su tali campi orrendi. La più grande sconfitta di questa amichevole è stato perdere Pjaca. Il campo era criminale, terribile".

ALLEGRI IN CROATO - A esprimere solidarietà all'attaccante croato anche il suo tecnico, Massimiliano Allegri: «Questo incidente di percorso non fermerà la tua carriera: sretno (in bocca al lupo in croato, ndr) Marko Pjaca!». 

 

Articoli correlati

Commenti