Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Juventus, l'uscita anticipata di Dybala non è piaciuta alla società 
© LAPRESSE
Juventus
0

Juventus, l'uscita anticipata di Dybala non è piaciuta alla società 

L'attaccante non sarà multato, e lo stesso Paulo ha raccontato a chi gli sta vicino la sua totale buonafede nel rientrare negli spogliatoi, ma è trapelato un po' di fastidio da parte del club bianconero

TORINO - Panchina e un pizzico di nervoso. Non è stata una gran serata, quella di sabato per la Juve, rimontata dal Parma, ma neppure per Dybala. Il numero 10 è rimasto in panchina e fin qui non c’è nulla di strano, considerato che nelle rotazioni definite da Massimiliano Allegri era previsto un turno di riposo per l’argentino. Tutto nella norma, dunque, se non fosse per quanto accaduto nei minuti finali del match. E qui, alla beffa della doppietta di Gervinho, si aggiunge il nervosismo di Paulo. Che, dopo la scelta del tecnico di inserire Emre Can come terzo cambio al posto dell’infortunato Bernardeschi, non è tornato in panchina dalla zona riscaldamento ma è rientrato direttamente nei spogliatoi, scuro in volto.

«Non me ne sono neppure accorto, forse aveva freddo…», il commento di Max nel post partita. In realtà il gesto di Dybala non è stato gradito dalla società, tanto che ieri è trapelato un po’ di fastidio per il comportamento del giocatore. Nel complesso il caso sembra essere ben circoscritto: a quanto si è appreso, Dybala non sarà multato e lo stesso Paulo ha raccontato a chi gli sta vicino la sua totale buonafede nel rientrare negli spogliatoi. La delusione era semmai per non aver potuto dare il proprio contributo nel convulso finale.

Allegri: "Dybala in spogliatoio dopo 3° cambio? Aveva freddo"

Vedi tutte le news di Juventus

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti