Milan

Vedi Tutte
Milan

Lo Monaco: «Fassone non capisce nulla di calcio. E Lotito...»

Lo Monaco: «Fassone non capisce nulla di calcio. E Lotito...»

L'ad del Catania: «Il presidente della Lazio ha speso 30 milioni per due giocatori che non conosco»

Sullo stesso argomento

 

giovedì 12 ottobre 2017 10:29

ROMA - A difendere Montella, dopo le ultime critiche che lo hanno messo in bilico, ci pensa Pietro Lo Monaco. L’ad del Catania lo ha avuto come allenatore durante la stagione 2011-2012: «Fassone non capisce nulla di calcio – ha detto il dirigente dei siciliani a Radio Incontro Olympia -. Sta creando confusione e mettendo in difficoltà un tecnico bravissimo come Vincenzo». Qualche parola anche sui big match della prossima giornata di campionato: «Il derby tra le milanesi sarà molto delicato, rischia di più il Milan rinnovato mentre l’Inter sta seguendo un percorso più lineare. Juve-Lazio non sarà semplice e il merito è di Inzaghi. Sta dimostrando l’entusiasmo di un giovane e la lungimiranza di un vecchio». Il turno di campionato vede anche la sfida tra Roma e Napoli: «Gli azzurri davanti hanno un animale come Mertens, capace di scardinare qualsiasi difesa. Sarri è arrivato a questa mossa per disperazione, non vedeva Gabbiadini e non voleva dare riferimenti offensivi. È l’unica squadra piacevole da guardare».

SEEDORF SUL RITORNO AL MILAN

«MA CHI HA PRESO LOTITO?» - Lo Monaco non risparmia nemmeno Lotito: «Ha speso 30 milioni per Bruno Jordao e Pedro Neto, ma io non li conosco. Gli avranno detto che sono fenomeni. Felipe Anderson farà fatica a rientrare in squadra, già lo scorso anno si sono defilate tante squadre interessate a lui. Io sono un fautore dell’esplodi, vendi e non ti penti. Nani? Non l’avrei preso».

MILINKOVIC-SAVIC – Il centrocampista serbo della Lazio è un obiettivo della Juventus, pronta a sborsare ben 80 milioni di euro per convincere la dirigenza biancoceleste. Lo Monaco è stregato: «È una bomba che deve ancora esplodere, mi fa morire come giocatore. Ha tutto: fisico, stacco aereo, piede e velocità. Ha una capacità tattica straordinaria e vede il gioco alla perfezione».

Articoli correlati

Commenti