Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Roma

Vedi Tutte
Roma

Roma-Chievo, il Totti-day: le lacrime del capitano, «600 volte grazie»

Roma-Chievo, il Totti-day: le lacrime del capitano, «600 volte grazie»
© ANSA

L’Olimpico in festa per il saluto alla squadra e per rendere omaggio alle 600 presenze in Serie A con la Roma del numero dieci. Emozioni forti al giro di campo

Sullo stesso argomento

di Valerio Albensi

domenica 8 maggio 2016 14:45

ROMA - C’erano maglie di Francesco Totti ovunque. Quelle numero dieci della Roma, di qualsiasi stagione, ma anche quelle del Corriere dello Sport-Stadio dedicate al capitano. Migliaia di numeri dieci sulle tribune dell’Olimpico, qualcuno perfino sulle gradinate degli stadi del tennis del Foro Italico, dove si stanno disputando gli Internazionali e dove fortissimo è arrivato il richiamo della giornata dedicata a una leggenda del calcio italiano.

Una marea giallorossa che è tornata a riempire l’Olimpico per festeggiare le 600 partite in Serie A del capitano e per spingere la squadra verso l’obiettivo secondo posto e la Champions League diretta. «Totti è la nostra vita, come un figlio», ci ha detto un tifoso con la maglia celebrativa addosso, mentre percorreva via dei Gladiatori in direzione dei varchi d’ingresso della Monte Mario. Oltre cinquantacinquemila persone presenti (55.508 il dato esatto), lo stadio praticamente pieno (mancavano i gruppi della Curva Sud che continuano la protesta nei confronti del prefetto Gabrielli), uno spettacolo che non si vedeva in campionato da Roma-Juventus dello scorso agosto.

FOTO: TUTTI PER TOTTI

FORO ITALICO IN FESTA - La Roma ha ritrovato l’abbraccio della sua gente. Alle 10.30 la zona che circonda lo stadio era già piena di tifosi. C’era un bel clima soprattutto al villaggio dei fan, con tanti bambini che hanno preso d’assalto giochi gonfiabili e biliardini.

È stata una festa e, all’ingresso inc ampo per il riscaldamento, la squadra ha trovato davanti a sé il muro di una Tribuna Tevere già riempita. C’erano striscioni per Totti, il più acclamato, ma anche per Kevin Strootman, che a Genova è tornato titolare dal primo minuto.

TOTTI INFIAMMA L'OLIMPICO: 3-0 AL CHIEVO



SI SCALDA TOTTI, LA ROMA RADDOPPIA - La squadra ha risposto all’abbraccio con un grande primo tempo. Quando poco prima del riposo Totti si è alzato per iniziare il riscaldamento, il pubblico lo ha accolto cantando i due cori dedicati a lui: "Totti Totti Totti To…" e "C’è solo un capitano". Proprio in quel momento, Pjanic ha servito a Ruediger la palla del raddoppio e i canti per il numero dieci sono confluiti nell’esultanza per il gol appena segnato.

IL MOMENTO DEL CAPITANO - Il momento di Totti è arrivato al 59’. Il pubblico ha iniziato a scaldarsi quando lo ha visto togliere la felpa e prepararsi a entrare al posto di Salah: l’Olimpico ha esultato come a un gol e la Tevere ha risposto con uno striscione dalla scritta "600 volte grazie". Lo ha ringraziato, a suo modo, anche Cesar, ruvido difensore centrale del Chievo, che ha rifilato al numero dieci un calcione ben assestato al primo pallone toccato.

FASCIA AL BRACCIO - La magia si è completata quando De Rossi ha lasciato spazio a Strootman e Totti è tornato a indossare la fascia. Non ha segnato, il capitano della Roma, ma ha firmato comunque una giornata speciale all’86’: con una giocata di prima ha visto lo spazio giusto per Pjanic, che non ha sbagliato. Poi il fischio finale, la festa al centro del campo con i figli accanto e il giro per salutare il pubblico. E poi le lacrime sotto la Curva Sud. Manca solo l’annuncio sulla firma del rinnovo: quello di Totti sarà un arrivederci alla prossima stagione, non un addio.

VIDEO I TIFOSI: «10 ANNI A TOTTI»

Articoli correlati

Commenti