Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Roma

Vedi Tutte
Roma

Roma, scarpini speciali per Totti: «D'oro come la mia città». 200 persone alla presentazione

Roma, scarpini speciali per Totti: «D'oro come la mia città». 200 persone alla presentazione

La Nike celebra la carriera del capitano giallorosso: «Racchiude tutti i miei valori. Per renderla ancora più preziosa, sarà in edizione limitata. Solo 2500 pezzi»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 26 aprile 2017 10:46

ROMA - Uno scarpino speciale per una carriera speciale: Nike ha lanciato i "Tiempo Totti X Roma", scarpini in edizione limitata per celebrare il venticinquesimo anno di carriera del capitano giallorosso. Prodotti in 2.500 paia, con questi scarpini, il colosso mondiale dell'abbigliamento sportivo rende omaggio all'incredibile percorso di Francesco Totti nel mondo del calcio. La scarpa a lui dedicata, presentata in mattinata nel centro di Roma, ha la tomaia completamente in oro per omaggiare lo splendore della Città eterna e racchiude in sé tutti gli elementi che contano nella sua vita. La scritta "Totti" dietro il tallone e lo swoosh sono neri, come i nomi dei tre figli - Cristian, Chanel e Isabel - scritti da lui stesso e poi impressi sulla tomaia.

FOLLA PER TOTTI - Circa 200 i tifosi presenti presso il pop up store Totti X Roma di Piazza San Lorenzo in Lucina. «Gli scarpini? Disegnati insieme alla Nike» dice il capitano giallorosso, che si presta subito alle foto di rito dopo essersi seduto su un trono in cima alla scalinata con i nomi dei sette re di Roma. «Un giorno li indosserà mio figlio, domenica ha già un torneo in Toscana. Lui calciatore? È una decisione che spetta a lui». Si parla anche dell'imminente derby contro la Lazio: «È una partita diversa da tutte le altre, è una squadra che sul campo provi sempre a distruggere ma col massimo rispetto. Cerchi sempre di dare il 101% per la città, la curva e i tifosi. Il ricordo più bello? Il 5-1».

AMARCORD - «Speravo di poter fare quello che ho fatto. A 17-18 anni ho capito che era una professione. Il pallone è sempre stata la mia passione, il mio divertimento, ci sono cresciuto. Il calciatore con cui mi sono divertito di più è Cassano. L’unico errore che ha fatto è che poteva fare 100 volte di più, lo sa anche lui. Mi sarebbe piaciuto anche giocare con Ronaldo, il Fenomeno».

GLI SCARPINI - «La cosa principale è la linguetta. È una cosa ottica, mi sento più sicuro. Sono 25 anni che ce l’ho sempre, mi segue».

COLORI ROMA - «Quando ho pensato ad una scarpa che potesse rispecchiare i miei 25 anni di carriera - racconta Totti - ho subito pensato all'oro. Oro, prezioso e splendente come la mia squadra e la mia città. Questa scarpa doveva racchiudere tutti i miei valori: la famiglia, la Roma e Roma. Nike ha capito come realizzarla nel modo migliore». Il plantare richiama i colori della Roma con la base rossa e la scritta in oro "Totti X Roma" sopra alla sagoma dello stemma. La "X" ha il doppio significato di "per" e di 10 in numero romano. I lacci sono neri e nella parte finale riportano i colori del club e la scritta "Totti". La suola, poi, è la stessa che Francesco utilizzava nel 2000, con tacchetti lamellari Intertrack Blade. «Sono onorato di poterla indossare, ma soprattutto di poterla rendere disponibile a tutti i tifosi e agli appassionati - conclude l'attaccante - Per renderla ancora più preziosa, sarà in edizione limitata: solo 2.500 pezzi, perché dev'essere qualcosa di unico che possa rimanere in eterno».

TRIONFO - In una lunga intervista al quotidiano sportivo spagnolo Marca, Totti ha ripercorso 25 anni di carriera alla Roma: «Roma è la città più bella del mondo, ti può sorprendere in qualunque momento con un vicolo o un dettaglio. Come romano e romanista, è stato un onore completare la mia carriera qui. Sicuramente avrei potuto vincere più titoli in un altro luogo, ma la fedeltà a Roma è il mio trionfo maggiore». Qual è stata la principale motivazione per restare così a lungo a Roma? «Molto semplice, quando ero un bambino avevo un sogno: completare tutta una carriera vestendo l'unica maglia che ho amato. E mai ho tradito questa idea».

Articoli correlati

Commenti