Roma

Vedi Tutte
Roma

Roma, Totti: «Nessun rimpianto se non quello di aver vinto poco»

Roma, Totti: «Nessun rimpianto se non quello di aver vinto poco»
© LaPresse

Lo storico capitano ripercorre la sua carriera in Champions League

Sullo stesso argomento

 

sabato 11 novembre 2017 11:29

 ROMA - La Roma è tornata protagonista in Europa come non si vedeva dai tempi del primo Spalletti. Francesco Totti, oggi dirigente, in una intervista a Premium Mediaset, ripercorre la sua carriera in Champions attraverso i momenti più significativi, come il gol al Manchester City: «Il gol all'Etihad È stata una giornata particolare, sapevamo di dover affrontare una delle squadre più forti d'Europa. Dovevamo cercare di fare risultato anche su quel campo molto difficile. Dovevamo approcciare bene la partita. Dopo 3-4 minuti eravamo in svantaggio per un rigore di Aguero. Poi ci siamo messi a giocare in tranquillità come abbiamo fatto sempre all'inizio di quella stagione. Siamo riusciti a ribaltare il risultato, a pareggiare con una grande azione partita da centrocampo. Radja mi ha fatto un lancio millimetrico e io in velocità sono riuscito a scavalcare il portiere del Manchester».

RECORD - Continua Totti: «Segnare in Champions League è sempre un'emozione diversa rispetto alle altre partite. É una competizione nella quale cerchi di arrivare il più lontano possibile. Ti dà una visibilità enorme. È un torneo diverso da tutti gli altri. È bello giocare, è bello partecipare, è bello anche vincere. Poi, avendo fatto anche gol, è stata una gratificazione in più». Contro il Cska il gol come più "vecchio" della competizione: «In quel momento pensavo solamente al freddo. Faceva abbastanza freddo a Mosca (ride, ndr). Andando avanti col girone avevi più possibilità di fare gol e di aumentare i giorni e tutto quello che veniva. Quando poi hai una posizione dal limite dell'area, però, devi concentrarti e calciarla nel migliore dei modi come è successo in quel frangente. La parola "vecchio" non mi piace tanto, però mi lusinga, ma spero che presto arrivi un altro "vecchio", in modo che non si parli più di Totti ma di un altro giocatore. Io sono contento di ciò che ho fatto, ma spero che presto qualche altro giocatore possa superare questo record».

FEDELTA' - Totti non si pente delle sue scelte, come ha sempre ribadito anche in passato. L'amore per la Roma è stato più forte di qualsiasi cosa: «L'ho dimostrato rimanendo per sempre in questa squadra, in questa città, indossando un'unica maglia. È stato sempre il mio sogno e fortunatamente sono riuscito a realizzarlo. Cercherò sempre di dare qualcosa in più di quello che potessi dare. Fortunatamente non ho nessun rimpianto se non quello di non aver vinto tantissimo. Però quello che ho vinto è importante e ne sono fiero».

Articoli correlati

Commenti