Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Roma

Vedi Tutte
Roma

Roma, Pallotta: «Preferisco non parlare del Liverpool, penso a Sean Cox»

Roma, Pallotta: «Preferisco non parlare del Liverpool, penso a Sean Cox»
© ANSA

Appello del presidente americano contro la violenza: «Gli italiani dovrebbero manifestare»

Sullo stesso argomento

 

sabato 28 aprile 2018 21:14

ROMA -  James Pallotta era all'Olimpico per la partita con il Chievo e sarà sugli spalti anche mercoledì per la partita di ritorno contro il Liverpool. Scosso per gli incidenti dell'andata, il presidente della Roma ha commentato il momento: «Non voglio nemmeno parlare della partita con il Liverpool, è un grande evento sportivo, ma non una situazione di vita o di morte come quella che sta passando adesso il tifoso del Liverpool Sean Cox. Il risultato passa in secondo piano e non voglio nemmeno parlarne. Sono molto triste per Roma e la Roma, che a causa di pochi individui vedono la loro immagine rovinata e calpestata in questo modo. Non conosco bene i fatti, come siano andate le cose, ho semplicemente visto i video come tutti. Sono immagini terribili. E' la massima espressione della stupidità dell'essere umano, i miei pensieri vanno ai suoi familiari. E' assolutamente deprimente che pochi elementi, che alcuni mesi fa ho etichettato con un epiteto che tutti conoscete, purtroppo rovinino così l'immagine dei tifosi. Abbiamo tifosi straordinari, la Curva Sud ha tifosi straordinari e se è stato possibile fare una rimonta come quella con il Barcellona è grazie al contributo del 99% di loro. Purtroppo una piccola frangia, di solito al di fuori della partita e degli stadi, rovina tutto».

Pallotta si appella all'opinione pubblica: «E' tempo che le cose cambino, in Italia e a Roma, stanno succedendo troppi episodi simili. Vi racconto un episodio che mi ha riguardato nel '93: ero stato a Firenze, sono stato nel museo che tutti conoscete, avrei dovuto cenare in un locale li vicino e poi per un cambio di programma non è stato possibile. Il mattino dopo sono partito per Parigi, avevo sentito delle sirene ma non sapevo di cosa di trattasse. Arrivando a Parigi il concierge dell'albergo, mentre stavo prendendo una birra con un amico, mi disse che c'erano state delle bombe (il presidente Pallotta fa riferimento all'attentato al Museo degli Uffizi del 1993, ndr). In quell'occasione gli italiani manifestarono e scesero in strada contro la criminalità organizzata. Forse è il caso che si inizi a prendere posizioni simili. Il calcio italiano e Roma hanno una storia che dura da troppo tempo, è un problema che riguarda l'Italia in generale, non solo Roma. E purtroppo così ci consegna una reputazione immeritata. I nostri tifosi sono i migliori al mondo e per colpa di una minoranza di pochi imbecilli si rischia di compromettere il nostro patrimonio storico e culturale».

Articoli correlati

Commenti