Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Formula 1

Vedi Tutte
Formula 1

F1, Austin: Hamilton in pole, terza fila Ferrari

F1, Austin: Hamilton in pole, terza fila Ferrari
© LaPresse

Il campione del mondo in carica precede, in qualifica, il compagno di squadra Nico Rosberg. Poi Ricciardo e Verstappen davanti a Raikkonen e Vettel

Sullo stesso argomento

 

sabato 22 ottobre 2016 20:45

AUSTIN - Lewis Hamilton conquista la pole position nel Gp degli Stati Uniti, 18/a prova del Mondiale 2016 di Formula Uno. Nelle qualifiche di Austin il duello è ancora in casa Mercedes con Hamilton che, alla fine, è l'unico a scendere sotto l'1''35, chiudendo in 1'34''99. Secondo Nico Rosberg (1'35''215), attuale leader del Mondiale con 33 punti di vantaggio dal britannico. Terzo un ottimo Daniel Ricciardo (1'35''509), quarto Max Verstappen (1'35''747). Prime due file Mercedes-Red Bull, dunque, proprio come avvenuto in Giappone anche se con posizioni invertite: questa volta Hamilton e Ricciardo hanno fatto meglio di Rosberg e Verstappen. Ferrari in terza fila con Kimi Raikkonen (1'36''131) che, nel finale delle qualifiche, strappa la quinta posizione a Sebastian Vettel (1'36''358) che chiude sesto. Per la Mercedes si tratta della 12/a pole position consecutiva: è la sesta striscia più lunga di sempre, la seconda di scuderia per la Mercedes, mentre il record è della Williams con 24. La Mercedes cavalca una striscia di 24 prime file consecutive, la quinta più lunga della storia (record di 35 sempre della Williams).

SETTIMO HULKENBERG - A completare la top ten ci sono Hulkenberg che sopravanza le Williams di Bottas e Massa, mentre Carlos Sainz è decimo. La gara, sul Circuit of the Americas di Austin, con i suoi 5.513 metri, è in programma domani alle 21 ora italiana. Quella di domani è la 38esima edizione di un Gp si è disputato su otto circuiti diversi: 1 a Sebring (1959), 1 a Riverside (1960), 15 a Watkins Glen (dal '61 al '75), 1 a Dallas (1984), 4 a Detroit (dal '85 al '88), 8 a Indianapolis (dal 2000 al 2007) e 4 ad Austin (dal 2012 a oggi).

 

F1, Ecclestone: Difficile portare altre gare negli Usa


Articoli correlati

Commenti