IN Roma

IN Roma

Vedi Tutte
IN Roma

A Villa Ada “Una somma di piccole cose” di Niccolò Fabi

A Villa Ada “Una somma di piccole cose” di Niccolò Fabi

Dopo il successo ottenuto nelle precedenti date del Tour il cantautore torna in uno dei luoghi della sua infanzia

Sullo stesso argomento

 

venerdì 22 luglio 2016 12:35

A grande richiesta Niccolò Fabi torna a Roma per un nuovo appuntamento del suo tour, già sold out, questa sera a Villa Ada – Roma incontra il mondo, con “Una somma di piccole cose”, portando sul palco i suoi più grandi successi, di oggi e del passato.

Nato nel 1968 Niccolò Fabi muove i suoi primi passi all’interno del fervido ambiente musicale di inizio anni Novanta, insieme a tanti musicisti romani tra cui Daniele Silvestri, Max Gazzè, Federico Zampaglione e Riccardo Sinigallia. Ha prodotto dodici dischi tra album, raccolte e opere strumentali, da “Giardinerie”, con cui debuttò nel 1997, a “Una somma di piccole cose”, ultima pubblicazione, passando per “La cura del Tempo” e “Novo Mesto”, inciso per festeggiare 10 anni di carriera.

Il 2014 e il 2015 sono gli anni del progetto FabiSilvestriGazzè che lo ha visto co-autore del disco "Il padrone della festa" e protagonista di un lungo tour che nei palazzetti italiani ha collezionato tutti sold out e che si è concluso con due date speciali all'Arena di Verona e sul palco di Rock in Roma.

Una somma di piccole cose” è stato realizzato dal cantautore romano in totale isolamento e autonomia; ha creato e registrato tutto il disco in una casa di campagna, sulla scia dei suoi ascolti musicali quotidiani, in particolare del cantautorato folk statunitense. L’album, che si compone di 9 canzoni, è il risultato di un’analisi molto lucida, a tratti spietata, di alcune dinamiche emotive, personali e collettive.

Il cantautore ha annunciato la nuova data sui social con queste parole: «So che ci sarebbero altri posti che garantirebbero più spazio visto che c'è tanta meravigliosa richiesta. Ma Villa Ada è il mio posto. Lì ho visto i migliori concerti. Lì c'è tutta la mia adolescenza e gioventù. Non posso non suonare accanto a quel laghetto...».

Articoli correlati

Commenti