IN Roma

Gusto

Vedi Tutte
Gusto

Nella Capitale il vino è di casa

Nella Capitale il vino è di casa

Alla scoperta delle enoteche e wine bar di Roma: da Trimani pezzo di storia romana, fino ai più recenti Fafiuchè e Vigneto

Sullo stesso argomento

 

lunedì 6 novembre 2017 15:55

Diceva Molière “Grande è la fortuna di colui che possiede una buona bottiglia, un buon libro, un buon amico” e aveva ragione perché bere vino in compagnia, tra chiacchiere e aneddoti, è uno dei modi migliori per trascorrere le serate. Che sia estate o inverno, il vino riesce sempre a trovare il modo per essere protagonista: si cambia d’abito e da compagno delle calde sere estive diventa il confidente perfetto per i lunghi mesi invernali. Il luogo per eccellenza, per intenditori e non, dove gustare e degustare vino è l’enoteca, luogo affascinante e ricco di storia vinicola, all’interno della quale è possibile assaggiare più calici ed eventualmente comprare delle bottiglie. Inizialmente l’enoteca nasceva come vendita soprattutto di vini locali e regionali. Poi, col tempo, l’offerta si è ampliata e sempre più enoteche hanno aperto i loro scaffali alle etichette nazionali e internazionali ma anche alla cucina, perché vino, si sa, è sinonimo di convivialità. Roma, tra bellezze architettoniche e naturali, è la città ideale per andare a caccia di enoteche o dei più moderni wine bar, nascosti tra le viuzze del centro storico. Nel quartiere Monti, per esempio, si trova Fafiuchè, nato nel 2007 dalla passione per i sapori, del bere bene e del magiare sano. “Scegli, gusta, ama e porta a casa!” è la frase che lo staff usa per descrivere il locale: un luogo magico in cui è possibile curiosare tra gli scaffali, assaggiare nuove etichette e lasciarsi abbracciare dal patrimonio enogastronomico italiano. Le pareti colorate e le tantissime bottiglie di vino rappresentano la cornice perfetta per fare un viaggio nel mondo del gusto e del divertimento. 

Poco distante dal centro storico e non lontano dalla stazione Termini, ecco l’Enoteca Trimani per la quale il nome parla da sé. La storia di questo locale, infatti, risale al 1821 e da allora, cambiando veste in base alle richieste di mercato, ogni cliente passato da qui ne è uscito soddisfatto. L’attuale negozio conta circa seimila referenze tra vini italiani e da tutto il mondo, spumanti, Franciacorta, Champagne, liquori e distillati, birre e soft drinks, raffinatezze alimentari e confezioni regalo, oltre a essere uno dei più importanti punti vendita specializzati in Italia. Nel 1991 all’enoteca storica si affianca il Trimani Wine Bar (il primo locale italiano a portare questo nome) dove al vino, sempre punto di forza assoluto, si affianca un’ottima ristorazione. 

Nell’animato quartiere Pigneto si trova, invece, il Vigneto. Le pareti bianche e turchesi danno al locale un’atmosfera giovanile e alla mano. Nonostante la recente apertura (novembre 2015), i gestori, entusiasti e appassionati, hanno saputo conquistare il loro spazio. La cantina del Vigneto offre tante scelte, per gusti e portafoglio: ogni regione italiana è adeguatamente rappresentata, dal vino più economico (ma sempre buono!) fino ai più rinomati passando per le bollicine

A San Lorenzo, pittoresco quartiere universitario, c’è Il Sorì dove la qualità è di casa. La proposta contiene una selezione di salumi e formaggi provenienti da aziende agricole visita te personalmente dai gestori, ma anche confetture, conserve e miele. Il protagonista, però, è il nettare degli dei e l’ambiente rustico – ma curato allo stesso tempo – ne sprigiona al meglio tutta la sua anima. I vini selezionati sono nazionali ed esteri e la loro degustazione avviene attraverso incontri con i produttori, chiacchiere ed eventi. 

Nei pressi dell’Appia Nuova, si trova un locale in cui il filo conduttore è lo Champagne e non un caso che il posto si chiami Remigio. Il nome, infatti, deriva dal Santo della Cattedrale di Reims (Saint Remi) nella regione dello Champagne. La proposta del locale, in virtù del nome che porta, comprende prodotti di piccoli viticoltori d’eccellenza importati dalla Francia, molti dei quali sono biologici e naturali. Tutto gustabile sorseggiando un semplice calice o accompagnato da uno sfizioso aperitivo, pranzo o cena. Insomma, il posto ideale per chi ama le bollicine e vuole assaggiarne di ogni tipo.

Articoli correlati

Commenti