IN Roma

Filodolio: la “Sorbona” dell'evo
Gusto
0

Filodolio: la “Sorbona” dell'evo

Un ambiente elegante e accogliente dove l'olio extravergine d'oliva è il vero protagonista del menù, ideato e realizzato dallo chef Alfonso Aquino

Nasce in Via Tripolitania 147, Filodolio, il primo ristorante della Capitale interamente dedicato all’Olio Extravergine d’oliva. Un prodotto eccezionale che trova all’interno della cucina del ristorante una collocazione chiara e centrale, dall’antipasto al dolce, con il cremoso al cioccolato, melograno e olio Coratina pugliese.

Filodolio prende spunto dalla constatazione che le potenzialità e le molteplici varietà dell’olio, che rappresenta una delle eccellenze enogastronomiche mondiali, vantando una tradizione di qualità elevatissima nella nostra penisola, fino a ieri erano poco note al pubblico. Un ambiente elegante e accogliente proprio come un filo d’olio che scorre sul pane. L’artefice dell’operazione Filodolio è Stefano Donaudy Mastelloni, ex dirigente d’azienda, con un sogno nel cassetto: realizzare un ristorante che desse la giusta considerazione all’EVO. Un’idea nata dopo una visita a un locale che si qualificava come “oil bar”, proponendo una carta di oli provenienti da diverse regioni d’Italia. Per realizzare questo sogno, l’attuale direttore di Filodolio si è affidato alle sapienti mani dello chef Alfonso Aquino, irriducibile fautore della cucina mediterranea, che interpreta con grande estro, arricchendola con abbinamenti originali e intriganti, anche con l’utilizzo di ingredienti provenienti da culture alimentari e culinarie diverse. Nonostante la giovane età, 25 anni, Alfonso Aquino può vantare sul proprio curriculum collaborazioni con il ristorante “Le Trabe” con lo Chef Peppe Stanzione (una stella Michelin) e poi presso “La tavola, il vino e la dispensa” al “Mercato Centrale” di Roma con lo Chef Oliver Glowing (due stelle). Le “regine della sala” sono Liana Davletsina, sommelier dell’olio e Augusta Boes, sommelier del vino.

Una proposta gastronomica audace che punta a esaltare ogni piatto attraverso l’utilizzo di un determinato tipo di olio. Ne esistono infatti diversi tipi, variando da regione a regione e tutti con caratteristiche organolettiche peculiari. L’olio è al centro del progetto del ristorante capitolino, che organizza corsi di approfondimento e degustazioni interamente dedicate all’oro verde. Un posto unico dove mangiare non significa solo soddisfare un bisogno, cibarsi, ma vivere un’esperienza irripetibile, ma attenzione ad orari e giorni: Filodolio è aperto solo a cena e chiuso il lunedì. 

Vedi tutte le news di Gusto

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

 

 

Dal 15 novembre al Teatro Anfitrione.
La compagnia vi aspetta numerosi
per ridere insieme!