IN Roma

Personaggi e cover

Vedi Tutte
Personaggi e cover

Massimo Ghini: sul palco vivo la mia ora di tranquillità

Massimo Ghini: sul palco vivo la mia ora di tranquillità

L'attore romano torna in città con un cast d'eccezione, da questa sera alla Sala Umberto

Sullo stesso argomento

 

giovedì 30 novembre 2017 16:54

Un’ora di tranquillità, commedia moderna e brillante di Florian Zeller, sarà alla Sala Umberto da oggi fino al 17 dicembre. Massimo Ghini, alla sua prima regia, sarà in scena al fianco di attori brillanti: da Galatea Ranzi a Claudio Bigagli, da Massimo Ciavarro a Marta Zoffoli, passando per Luca Scapparone e Alessandro Giuggioli. Una squadra vincente che torna a grande richiesta nella Capitale, là dove Massimo Ghini è nato e cresciuto e dove trova il tempo di raccontarci il segreto di questo grande successo.

Un’ora di tranquillità è un testo mai rappresentato in Italia prima della sua regia, si tratta di una bella sfida...

«Questo fa parte del mio carattere: amo molto le sfide. So bene che fare carrierapoggiando sempre sul sicuro, facendo le cose che mi costruisco addosso e che sono già avviate e conosciute, mi annoierebbe».

Come mai ha deciso di misurarsi proprio con questa commedia?

«L’idea di confrontarmi con una commedia che ho trovato immediatamente intelligente, spiritosa, brillante, attuale, e anche cinica, mi ha preso sin da subito. Il bello di questo pezzo è proprio questo: che, attraverso la commedia, vengono rappresentate le miserie umane della nostra società. Quindi appena l’ho letto mi sono detto: “Devo assolutamente farlo”. E così è stato, pur sconsigliato dai distributori e dai produttori. Le scommesse si vincono anche rischiando».

E il pubblico come ha accolto questa scommessa?

«È uno spettacolo che continua a darmi molta soddisfazione. Siamo al terzo anno di replica e, come dire? è una carta di credito, significa che è uno spettacolo di successo! E lo dico anche con una punta di vanteria (ride, ndi): è la mia prima regia e ne vado ancora più orgoglioso».

Si tratta di un’opera in cui il ritmo è scandito dall’alternanza di vari personaggi, in questo caso bravissimi attori. Quanto è importante l’intesa?

«Io questa compagnia me la sono proprio andata a cercare, nel vero senso della parola. Dentro ci sono attori come Galatea Ranzi, Claudio Bigagli, Massimo Ciavarro, attori che è difficile vedere insieme in un percorso come quello di “Un’ora di tranquillità”, che è una commedia. Galatea Ranzi ha sempre affrontato grandi classici con grandi registi ed è considerata una grande interprete con una vocazione drammatica. Ma io le ho detto “Secondo me potresti essere un personaggio di commedia straordinario”. E così anche per lei è stata una bellissima avventura, tanto che è qui per il terzo anno di repliche. Insomma, calcisticamente parlando, credo che se lo spogliatoio è forte e i giocatori vogliono lo spogliatoio forte, il successo si raggiunge. La nostra è una squadra di persone di talento, intelligenti e con la voglia di confrontarsi».

E a lei, quando finalmente riesce ad avere la sua “ora di tranquillità”, cosa piace fare?

«In realtà per me l’ora di tranquillità è quando vado in scena. Perché quando sei nello spettacolo conosci la trama, sai come comincia e sai come va a finire. Il resto della vita, invece, è imprevedibile. A malapena sai come comincia, figurati se sai come finirà (ride, ndi)!».

In effetti è un risvolto quasi rassicurante del vostro mestiere.

«Sembra assurdo, ma in quel momento lì, facendo la cosa che amiamo di più, quello per noi non è più un lavoro. E a volte ti risulta più piacevole di quello che poi è la vita quotidiana, fatta delle problematiche di tutti i giorni».

Da romano qual è il posto della Capitale che le regala più tranquillità?

«Una volta, essendo nato e cresciuto in questa città, c’erano posti che veramente ti regalavano queste emozioni. Oggi, spesso mi fermo a guardare Roma dal terrazzo di casa mia: vedo l’Esquilino con Santa Maria Maggiore, le luci delle due cupole, la Sistina e la Paolina, che creano delle combinazioni di colori che spesso ho fotografato e poi postato. Sembrano quasi finte, fatte al computer. E qualche volta ci ritroviamo con gli amici ad assistere al tramonto in questa cornice, e ci sembra di essere in un film francese degli anni 70».

Dall’alto Roma si apprezza di più...

«Eliminando il “basso” inteso come il caos e la confusione di questa città maltrattata, Roma per fortuna riesce a darmi ancora grandissime emozioni».

Articoli correlati

Commenti