IN Roma

Spettacolo

Vedi Tutte
Spettacolo

Arriva a Roma La Divina Commedia Opera Musical

Arriva a Roma La Divina Commedia Opera Musical

Dal 19 al 24 gennaio va in scena al Brancaccio un sorprendente musical ispirato all'opera dantesca

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 17 gennaio 2018 17:27

Debutta il 19 gennaio 2018, e rimarrà in scena fino al 24 gennaio al Teatro Brancaccio di Roma La Divina Commedia Opera Musical, una nuova imperdibile produzione tratta dalla più grande opera italiana e firmata dalle musiche del noto compositore Marco Frisina, con la regia e i testi di Andrea Ortis e l’inconfondibile voce narrante di Giancarlo Giannini

La Divina Commedia Opera Musical, dopo il debutto del 2007 con oltre 450mila spettatori ritorna in scena con un restyling profondo e coinvolgente, nel quale un team creativo innovativo e un cast artistico di assoluto valore presenteranno allo spettatore un Dante diverso, mai raccontato in questa maniera. Il cast è davvero di livello: Antonello Angiolillo nei panni di Dante; Myriam Somma e Noemi Bordi sono Beatrice; Andrea Ortis è Virgilio; Francesco Iaia nel doppio ruolo di Caronte e il conte Ugolino; Angelo Minoli in Ulisse e Catone e, infine, Manuela Zanier e Rosy Bonfiglio in Francesca da Rimini e Matelda.

Una ricerca meticolosa di elementi di innovazione, scenografie che prendono vita cambiando in pochi attimi e trascinando lo spettatore negli inferi disperati in un momento e nell’atmosfera aurea del Paradiso nell’attimo dopo; e in mezzo a questi, il viaggio di Dante, dove nulla cambia in un messaggio che ancora oggi, come nel 1300, parla allo stesso uomo divorato da vizi e passioni, ma sempre alla ricerca di quel senso della vita che Dante indica nell’amore, nell’eccezioni più pura. «Questa - dice il regista Andrea Ortis - è la storia di un uomo ed è la storia di tutti gli uomini»

Prodotta dalla MIC, Musical International Company e con l’importante patrocinio della Società Dante Alighieri, dopo il debutto, La Divina Commedia Opera Musical, sarà in tour fino alla primavera 2018.

Articoli correlati

Commenti