Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Libreria

Vedi Tutte
Libreria

I derby dimenticati del Milan e due libri sulla grande Boxe di Benvenuti e Hagler

I derby dimenticati del Milan e due libri sulla grande Boxe di Benvenuti e Hagler

Quando Milano aveva dieci squadre, tutte le sfide contro i rossoneri. E poi i mitici confronti tra Benvenuti e Griffith e la vita e la carriera di Marvin Hagler.

 Massimo Grilli

mercoledì 17 gennaio 2018 16:00

Quando Milano sembrava Londra, con una decina di squadre in città a battersi per il titolo italiano, le sedi sociali erano ospitate generalmente da ristoranti o bar e le cronache del tempo erano ricche di termini ormai dimenticati come “back” (intendendo il difensore), “Custode” (il portiere…), “Forwards” (attaccanti), e poi Freekick, Halfback, Referee, Supporters. Stefano Pozzono - che conoscevamo per il documentatissimo “Dove sono gli ultrà”, sulle tifoserie italiane - ci regala un suggestivo viaggio nella Milano del primissimo Novecento, esaminando - da tifosissimo rossonero - tutti i derby che il suo Milan (anno di nascita, 1899) ha disputato, escludendo le sfide con i cugini dell’Inter, di cui sappiamo tutto o quasi. Ne ha scovate 42, di partite ufficiali, ben 21 contro l’Unione Sportiva Milanese dalle splendide casacche a scacchi bianchi e neri, e poi contro A.M.C., Ausonia, Ausonia Pro Gorla, Enotria Goliardo, Juventus (!) Italia (colori sociali biancoverdi), Mediolanum, Nazionale Lombardia e Racing Libertas. Di ciascun match sono riportati le formazioni e la cronaca, tratta dalle gazzette del tempo. A chiudere, una breve storia e la scheda di ciascuna società e dei campi da gioco - tutti ormai scomparsi - che ospitarono quelle partite, che finalmente qui rivivono. Per gli appassionati di calcio, da non perdere.
MILAN, I DERBY DIMENTICATI; storia e cronaca di 42 derby dal 1900 al 1922; di Stefano Pozzoni, Bradipolibri, 205 pagine, 15 euro.

Con quella dei Massimi, la categoria dei paesi Medi è sicuramente la più affascinante del Pugilato, ricchissima di personaggi leggendari. Uno di questi è sicuramente Nino Benvenuti, il pugile italiano più celebre almeno dell’era moderna, che racconta con Mauro Grimaldi, in un affascinante libretto impreziosito dalle illustrazioni di Spartaco Ripa, i primi due match che lo videro fronteggiare Emile Griffith per la corona
mondiale. «Una sfida impossibile per tutti, meno che per me», scrive orgoglioso Benvenuti. Il 17 aprile del 1967 il suo match al Madison Squadre Garden di New York incollò alle radioline (la Rai non volle trasmettere l’incontro «per il timore che la gente facesse nottata e il giorno dopo disertasse il lavoro») da ben 18 milioni di italiani, che applaudirono a distanza il trionfo dell’atleta istriano, battuto poi cinque mesi dopo nella rivincita, sempre in America. Benvenuti racconta l’attesa, il pugilato di quei tempi, ci fa assaporare “da dentro” le emozioni e le sensazioni di un atleta di altissimo livello. «Ho sentito la gente urlare il mio nome. Ho toccato il cielo con un dito. Sono finito nella polvere. Ma era già tutto scritto ed io ho seguito il mio destino». Destino che lo porterà all’altrettanta celebre terza sfida con Griffith che, chissà, potrebbe meritare presto un altro libro.
Un salto di quasi quindici anni e ci troviamo tra i Pesi Medi degli Anni Ottanta, dominati - per sei anni, sei mesi e dieci giorni consecutivi, come recita il titolo del libro - da quello splendido atleta e furioso combattente che è stato Marvin “Marvelous” Hagler, oggi un sereno sessantatreenne. Bacci ricostruisce la carriera di uno dei più grandi Fighter della storia del pugilato, che vinse 62 incontri (di cui 52 per ko) sui 67 disputati, superando altri straordinari campioni come Roberto “Mani di pietra” Duran, Hearns, Mugabi, fino alla sconfitta molto chiacchierata con Sugar Ray Leonard, che mise fine alla sua carriera il 6 aprile del 1987. Il pugile del New Jersey non volle la rivincita, preferendo cominciare in Italia una nuova avventura come attore del cinema. Testa rasata, sguardo intenso, una barbetta luciferina: davvero un personaggio mitico, Hagler, che Bacci utilizza al meglio anche per ricostruire l’età dell’oro dei pesi medi.
N.Y. 1967, BENVENUTI-GRIFFITH: la notte che ha fatto sognare l’Italia; di Mauro Grimaldi, illustrazioni di Spartaco Ripa; Edizioni Eraclea, 68 pagine, euro 12,50
SEI ANNI, SEI MESI, DIECI GIORNI; la leggenda di Marvelous Marvin Hagler; di Andrea Bacci, Ultra Sport Edizioni, 174 pagine, 16 euro.

Articoli correlati

Commenti