Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Formula E

Vedi Tutte
Formula E

Audi primo marchio tedesco in Formula E

Audi primo marchio tedesco in Formula E

Il marchio dei Quattro Anelli ha ufficializzato l'ingresso con un team ufficiale nel mondiale per monoposto elettriche

Sullo stesso argomento

 Francesco Colla

lunedì 10 luglio 2017 11:31

ROMA – L’annuncio era stato fatto nel 2016 ma ora è ufficiale: Audi sarà il primo costruttore tedesco a entrare in Formula E. La Casa dei Quattro Anelli appoggia il team ABT fin dala prima gara del mondiale per monoposto elettriche, inaugurato nel 2014, ma ora l’impegno di Ingolstadt è aumentato e il team Audi Sport ABT Schaeffler sostituirà ABT Sportsline. 

“Nei mesi recenti abbiamo supportato l’impegno in Formula E con crescente intensità: durante le gare, nello sviluppo del nuovo motore e in numerose attività fuori pista”, racconta Peter Mertens, Membro del Board di Audi AG e Responsabile per lo Sviluppo Tecnico. “Il fatto che Audi sarà la prima Casa tedesca a far parte attivamente del campionato racing è anche un segno evidente dell’impegno del nostro brand nei confronti della mobilità elettrica, sia sul tracciato di gara, sia sulle strade, grazie all’introduzione della nuova Audi e-tron.” Un passo quasi obbligato per un marchio che ha costruito la sua fama attraverso le vittorie alla 24 Ore di Le Mans e che ora si appresta a lanciare un'offensiva elettrica su larga scala

La quarta stagione della Formula E prenderà il via ad Hong Kong il prossimo 2 Dicembre e proseguirà in Sud e Nord America, in Africa, passando anche per Roma, new entry in calendario:“La stagione 2017/18 si arricchisce di nuove affascinanti città e rappresenta l’occasione migliore per trasmettere l’emozione della mobilità elettrica e del motorsport in tutte le sue forme”, racconta Dieter Gass, numero uno di Audi Motorsport. “Con l’obiettivo di dominare nelle gare in programma, ci aspettiamo un campionato ricco di emozioni. Sono fiero del fatto che sia stato tutto preparato al meglio per accogliere un futuro di successi.”

 

Articoli correlati

Commenti