Green

Vedi Tutte
Green

Shell Eco-Marathon: studenti italiani protagonisti a Londra

Shell Eco-Marathon: studenti italiani protagonisti a Londra

Saranno 5 i team italiani in gara nella competizione europea che ha come obiettivo correre la maggior distanza possibile con il minor consumo di energia

Sullo stesso argomento

 

giovedì 11 maggio 2017 10:49

Gli studenti italiani, dopo gli ottimi risultati del 2016, confermano la loro presenza alla 33° edizione della Shell Eco-marathon Europe. La competizione, nell’ambito del festival “Make the Future Live”, si terrà al Queen Elizabeth Olympic Park di Londra dal 25 al 28 maggio. Da oltre 30 anni la Shell Eco-marathon incoraggia i giovani delle scuole superiori e delle università di tutto il mondo ad ideare e costruire veicoli ad alta efficienza energetica; 192 team provenienti da 27 Paesi europei si sono dedicati per più di un anno alla progettazione e alla costruzione di veicoli futuristici che si sfideranno sul circuito urbano londinese per decretare chi riuscirà a percorrere la maggior distanza possibile con l’equivalente di un litro di carburante o un kWh di energia. 

Nell’edizione 2016 si sono registrati risultati di grande successo: il team italiano H2polit0 – molecole da corsa del Politecnico di Torino, con il veicolo “IDRAkronos”, ha ottenuto il 1° posto nella categoria prototipi alimentati a idrogeno, percorrendo 737 km con un solo metro cubo di combustibile: una distanza maggiore di quella che separa Torino da Roma. Mentre il team francese Microjoule-La Joliverie, ha percorso con un veicolo della categoria prototipi 2.606 km, ovvero la distanza di un viaggio di andata e ritorno Londra/Milano.Per il secondo anno consecutivo avrà luogo inoltre anche la Drivers’ World Championship (DWC), una competizione riservata ai migliori UrbanConcept team in gara agli eventi della Shell Eco-marathon Europe, Asia e America. La squadra vincitrice della DWC 2016, il Team 4 Bumi Siliwangi dall’Università di Pendidikan in Indonesia, si è aggiudicata un’esperienza senza precedenti all’interno della Scuderia Ferrari. Insieme ad altri team sono stati invitati a scendere in pista per decretare il veicolo in grado di consumare meno carburante sul celebre circuito Ferrari di Fiorano.“È stato bello lavorare con un gruppo così motivato di studenti che stanno ridefinendo gli orizzonti dell’efficienza energetica. Ciò è stato reso possibile grazie alla partnership con Shell, che vede una sempre più stretta collaborazione dentro e fuori i circuiti automobilistici” sottolinea Mattia Binotto, Direttore Tecnico della Scuderia Ferrari.

Articoli correlati

Commenti