Interviste

Vedi Tutte
Interviste

Dottor Costa: “Cambio vita per trovare un nuovo me stesso”

Dottor Costa: “Cambio vita per trovare un nuovo me stesso”

Il Dottor Costa lascia lo storico ambulatorio di Imola per cambiare vita. La nostra in-tervista esclusiva.

 

Sullo stesso argomento

di Riccardo Piergentili

martedì 12 gennaio 2016 16:25

“Non ho delle mete, non ho dei traguardi. Ho solo voglia di andare”.  Con questa poesia, con queste parole, il Dottor Costa ha concluso la nostra intervista. La notizia è che Claudio Costa ha detto basta. Prima l’uscita dal Motomondiale, ora l’addio allo storico ambulatorio medico di Imo-la, che sarà gestito da Beppe Russo, la persona che il Dottore definisce il suo successore. Dietro questa decisione c’è la consapevolezza di avere costruito qualcosa di importante ma anche la vo-glia di cambiare vita, lasciando spazio ai giovani.

Dottore, quali sono i motivi che l’hanno convinta a dire definitivamente basta?
“Gli anni passano e ho perso le persone a me più care. Prima mio padre, poi mia madre che mi ha insegnato i valori che contano nella vita. Un anno e mezzo fa ho abbandonato il motomondiale ed ora credo che sia arrivato il momento di trovare un nuovo me stesso, diverso da quello che sono stato. Per fare questo dovevo cambiare vita”.

Come è iniziata la sua nuova vita?
“Viaggiando, mettendo a disposizione la mia esperienza e raccontando le storie dei miei piloti e la mia filosofia. Realmente sono piuttosto impegnato. Frequento le università, dove sono a contatto con i giovani, partecipo a eventi medici, dove spiego le mie teorie, e poi, ovviamente, le moto e gli eventi dedicati alle moto, dove voglio essere presente”.

Però basta con l’ambulatorio.
“Sì. Credo che altri dovranno portare avanti quell'attività. Io ho individuato il mio successore; è Beppe Russo. Io non ho più la costanza adatta a seguire un ambulatorio medico a tempo pieno. Non ho più l’età per farlo come vorrei”.

Quindi ha detto davvero basta con la medicina?
“Non effettuerò più visite ufficiali, questo no. È ovvio che se qualcuno dovesse chiedere il mio aiu-to, perché si fida di me e solo di me, lo riceverò, però non voglio che questo diventi un sistema Nel mio sito internet ci sono i numeri delle mie segretarie. Loro sanno come raggiungermi e se ci saran-no casi gravi da seguire lo farò, nella struttura presente all’autodromo di Imola”.

Come può definire questo suo nuovo viaggio?
“In un solo modo. Non ho delle mete, non ho traguardi. Ho solo voglia di andare”.

Articoli correlati

Commenti