Mercato

Vedi Tutte
Mercato

Mitsubishi ammette: modelli manipolati durante i test

Mitsubishi ammette: modelli manipolati durante i test
© AP

 Mitsubishi ha ammesso di aver alterato dati relativi alla pressione dei pneumatici durante i test per migliorarne l'efficienza energetica.

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 20 aprile 2016 15:10

ROMA - La casa automobilistica giapponese Mitsubishi ha ammesso di aver alterato dati relativi alla pressione dei pneumatici durante i test di 4 modelli per migliorarne l'efficienza energetica. Le manipolazioni riguardano 625.000 veicoli prodotti dalla metà del 2013 incluse 468.000 macchine assemblate per la Nissan. Le anomalie sono state scoperte in una inchiesta interna ordinata dalla stessa casa auto e successivamente comunicate al ministero dei Trasporti giapponese. In una affollata conferenza stampa il presidente Tetsuro Aikawa ha chiesto scusa inchinandosi e ha riferito di aver ordinato lo stop alla produzione dei modelli e l'avvio di una indagine approfondita. Le azioni della sesta casa automobilstica nipponica sono crollate del 15% alla Borsa di Tokyo, la maggiore variazione percentuale in 12 anni. 

FCA, i motori diesel rispettano le normative

CONTROLLI SERI - Immediata la reazione da parte delle associazioni dei consumatori. "Ci chiediamo che fine abbiano i controlli a campione su almeno mille macchine diesel di tutti i marchi promessi dal ministro dei Trasporti Del Rio" ha dichiarato Raffaele Caracciolo, esperto di automotive dell'Unione Nazionale Consumatori. "A quando, un serio protocollo dei test su strada? Non è possibile che queste manomissioni si scoprano solo grazie all'autodenuncia delle case automobilistiche. Anche perché, a nostro avviso, questi accorgimenti sono stati utilizzati da quasi tutti. Ecco, perché, fin dall'inizio del Dieselgate abbiamo chiesto un'indagine a 360 gradi per tutti i costruttori. Il problema è che il protocollo è fermo al CNR e non si hanno notizie dello stato del progetto" ha proseguito Caracciolo.

 

Articoli correlati

Commenti