Prove

Vedi Tutte
Prove

Fiat Tipo 1.6 MJT 5 porte la prova doppia – laurea in razionalità

Fiat Tipo 1.6 MJT 5 porte la prova doppia – laurea in razionalità

La Casa torinese ha ripescato un nome storico per una vera “auto del popolo”, solida, semplice e dal buon rapporto qualità\prezzo

Sullo stesso argomento

di F.Colla/A.Vai

martedì 30 agosto 2016 10:16

Con la omonima antenata del 1988 ha in comune solo le generalità ma, 28 anni dopo, la Tipo sviluppa ancora il concetto di razionalità ai massimi livelli. Buon rapporto tra dimensioni esterne e spazio interno, ma soprattutto ottimo rapporto tra qualità e prezzo: con la stessa cifra necessaria per una piccola ben accessoriata ci si porta a casa una vera auto da famiglia, scegliendo tra tre carrozzerie. La Fiat Tipo, infatti, può essere una berlina a 4 porte (di quelle con la coda), una compatta a 5 porte o una station wagon da grandi carichi. In tutti i casi la meccanica non cambia – semplice e robusta – con una gamma di motori improntata all’efficienza e ai bassi costi di gestione: 1.4 benzina, 1.4 Turbo GPL, 1.3 e 1.6 diesel Multijet. La tecnica, infine, è ben collaudata, perché la piattaforma è la stessa della 500L, da cui è derivata anche quella della 500X e della Jeep Renegade.

Scheda

Dimensioni: lung. 436 cm - alt. 149 cm – larg. 179 cm
Motore: 1.598 cc – 120 CV – 320 Nm
Prestazioni: V.max 200 km/h – 0/100 km/h in 10,1 s
Consumi ed emissioni: 3,7 L/100 km (ciclo misto) – 98 g/km CO2
Prezzo: 21.600 euro
 

Francesco Colla

“La sposa turca” non farà girar la testa ma è un’ottima donna di casa. Nuova Fiat Tipo eredita la funzionalità della progenitrice degli anni ’80, andando a colmare il vuoto lasciato dalla Bravo e riportando il marchio FCA nel segmento C con un’offerta “tridente” in grado di accontentare tutti, dalle aziende e alle famiglie.

Ci mettiamo al volante della cinque porte in allestimento Business, di cui apprezziamo le dimensioni generose sia dell’abitacolo che del bagagliaio (440 litri). Qui non si può certo parlare di “essenze pregiate” o “contenuti premium” e con 22.100 euro (anche se il listino parte da 16.000) si porta a casa un’auto completa di tutto, dal navigatore alla telecamera posteriore. Il comfort di bordo è ottimale per tutti gli occupanti anche se ci si rende con immediatamente che Tipo nasce per portarti lontano ma non per correre: il motore MultiJet da 120 cv spinge bene fin dai 1750 ai 4000 giri anche se il cambio dalla corsa troppo lunga e il volante massiccio non ispirano certo sportività. Manovriera in città tende però al rollio quando si affrontano con un po’ di verve le curve nell’extraurbano. I vantaggi stanno soprattutto nei consumi: con piede leggero nel misto si percorrono 20 km con un litro, di media.

La sensazione complessiva è di un’ottima “auto del popolo”, pratica, comoda e capace di portare tutta la famiglia in vacanza o di sostenere il pendolarismo quotidiano di tanti italiani. Il tutto con un rapporto qualità\prezzo più che buono.

Alessandro Vai

Progetto Aegea. La genesi della Tipo inizia da qui, da un’idea per creare un’auto europea dedicata a chi bada al sodo e declinata in tre versioni, per accontentare tutti. Niente fronzoli, quindi, ma tanta sostanza. È un mantra che si intuisce già dall’aspetto esterno, fatto di linee semplici e arrotondate, che ispirano solidità e semplicità. È un concetto che si ritrova all’interno, dove le plastiche non hanno certo quel “soft touch” che è d’obbligo sulle vetture premium e dove il concetto di personalizzazione non ha attecchito. È un’idea, infine, che si ritrova anche nelle motorizzazioni, tutte ben note all’interno della gamma Fiat. Quella che abbiamo provato è la 1.6 Multijet da 120 CV, un’unità che attraversa praticamente tutti i marchi FCA e che anche sulla tipo conferma le sue doti: un’ottima spinta, una buona fluidità e consumi contenuti. La leva del cambio a 6 marce – che certo non brilla per velocità e corsa corta – va sempre alla ricerca del rapporto più alto, aspettando il doppia frizione che arriverà a breve e che dovrebbe fare la differenza soprattutto per flotte e professionisti. Il comportamento su strada è come un libro aperto.

La Tipo si guida con facilità e ha un assetto morbido, che quando l’aderenza inizia a mancare scivola progressivamente inviando ampi segnali di avvertimento. Gli pneumatici da 17 pollici dell’allestimento Lounge, dunque, sono più una concessione allo stile che una necessità della dinamica. Di tutto il resto non ci si può lamentare: l’ergonomia del posto guida è azzeccata, c’è spazio per i passeggeri posteriori e anche (tanto) per i bagagli. Anche l’allestimento non ha particolari mancanze, sebbene non ci si debbano aspettare optional spettacolari o gadget iper-tecnologici. Non manca nemmeno, il sistema UConnect con display touch da 7 pollici, che è di serie sull'allestimento Lounge ma non integra il navigatore. Quest'ultimo è disponibile nell pacchetto Tech Lounge che include anche la telecamera posteriore e i servizi Live. Il pacchetto Safety Plus, infine, prevede la frenata automatica di emergenza e il cruise control adattivo, un accessorio non comune in questa categoria.

Articoli correlati

Commenti