Prove

Vedi Tutte
Prove

Ford Edge 2.0 TDCi Sport, la prova - il Suv american way

Ford Edge 2.0 TDCi Sport, la prova - il Suv american way

La prova su strada della sport utility premium dell'Ovale Blu in versione sport con motore biturbo da 210 cv.

Sullo stesso argomento

di Francesco Colla

giovedì 13 ottobre 2016 17:08

L’Ovale Blu è da sempre conosciuto in Italia per compatte bestseller come Fiesta, berline come Mondeo o comode monovolume stile C-Max o S-Max. Ora Ford punta però a conquistare nuove frontiere del mercato europeo, grazie alla cavalleria della Mustang e alla robusta affidabilità di Edge, primo sport utility premium del marchio a sbarcare in Italia per replicare il successo che la precedente generazione ha riscosso negli USA. Per dimensioni, prezzo ed equipaggiamenti si prepara a far concorrenza a Volkswagen Touareg (in attesa che Wolfsburg sforni la nuova generazione) e a tutti coloro che cercano una valida alternativa alle “solite note”.

Scheda

Dimensioni: lung. 481 cm - alt. 169 cm – larg. 193 cm
Motore: 1.997 cc – 209 CV – 450 Nm
Prestazioni: V.max 211 km/h – 0/100 km/h in 9,6 s
Consumi ed emissioni: 5,8 L/100 km (ciclo misto) – 149 g/km CO2
Prezzo: 53.750 euro

Francesco Colla

Edge vanta una presenza imponente ma non esagerata e al design robusto e massiccio della carrozzeria unisce dettagli sportivi, come i grandi cerchi da 20” o il doppio scarico cromato, che affinano una linea altrimenti monolitica. L’abitacolo riflette l’animo squisitamente “stars and stripes” della Edge: spazio a volontà, braccioli grandi quanto quelli del divano di casa, portaoggetti e portabicchieri ovunque. Molto completo (e anche piuttosto complesso), il sistema di Infotainment Sync 2, così come la dotazione tecnologica si serie e optional. C’è di tutto e di più, compresa la telecamera anteriore (utile in città) e il sistema di parcheggio automatico (tarato sulle praterie dei mall americani, a Roma ancora non ce la fa). Così come molto completa è la dotazione di sicurezza: basti dire che ci sono persino gli airbag integrati nelle cinture posteriori. Si parte: nonostante le dimensioni, in città Edge si guida letteralmente con un dito, muovendosi con agilità pur essendo un bisonte da due tonnellate.

Il merito è dello sterzo adattivo in grado di variare dinamicamente il rapporto tra giri del volante e direzione delle ruote, riducendo radicalmente lo sforzo necessario per eseguire manovre. Fuori dal traffico e dalle asperità capitoline (che l’americanona ha affrontato con prevedibile nonchalance), Edge dà il meglio di sé. Nonostante la potenza e la generosità del motore, che fino a 4.000 giri ha veramente un bel tiro, è ovvio che non siamo al volante di una sportiva: il baricentro alto e la massa complessiva, infatti, producono un evidente beccheggio e un percepibile rollio quando si spinge un po’; inoltre il cambio, pur essendo preciso, non è un fulmine di guerra nel scegliere il rapporto giusto. Ma le vere qualità si notano sulla lunga distanza, essendo un Suv pronto a macinare centinaia di chilometri garantendo il massimo confort a tutta la famiglia e portandosi dietro quintali di bagagli. E magari trainando anche un rimorchio da 2 tonnellate, viaggiando serenamente con l’adaptive cruise control attivato, coccolati dalle grandi poltrone in pelle mentre si sorseggia un caffè: that’s the american way.

Articoli correlati

Commenti