Prove

Vedi Tutte
Prove

Audi R8 Spyder, gran turismo a cielo aperto: la prova

Audi R8 Spyder, gran turismo a cielo aperto: la prova

Prova su strada della seconda generazione di R8 Spyder: più leggera, più potente e più facile che mai per far concorrenza alla 911 Turbo

Sullo stesso argomento

 Francesco Colla

lunedì 17 ottobre 2016 14:48

GIRONA (SPAGNA) - R8 è da dieci anni un simbolo di Casa Audi. Prima di lei gli automobilisti consideravano i Quattro Anelli “solo” un’affidabile costruttore di berline e station wagon, non riconoscendolo come un brand veramente sportivo capace di competere con McLaren o Porsche. E se le cinque vittorie alla 24 Ore di Le Mans della R8 da competizione non fossero state sufficienti, Audi fece disegnare a Walter Dé Silva una macchina capace di portare sulle strade di tutti i giorni lo spirito de La Sarthe. Nel 2007 debutta la prima generazione - declinata in versione Spyder tre anni dopo - e che oggi arriva nelle concessionarie con la seconda serie, per rinnovare la concorrenza a Sua Maestà Porsche 911 Turbo Cabriolet.

Per essere ancora più appetibile è stata sottoposta al processo di dimagrimento che sta coinvolgendo tutti i nuovi modelli Audi, potenziata e arricchita di nuovi equipaggiamenti hi-tech. Tetto a parte è la copia perfetta della già disponibile coupé, di cui mantiene gli highlights estetici - come l’inconfondibile griglia anteriore single frame - e meccanici. Al centro della scena c’è l’aspirato V10 5.2 FSI da 540 cavalli - 15 in più della precedente versione - ereditato dalla cugina Lamborghini Huracan: abbinato alla trazione integrale quattro e al cambio automatico S tronic a sette rapporti, garantisce una velocità massima di 318 km/h, scattando da 0 a 100 km/h in 3”6.

Quando alle macchine togli il tetto elimini un punto di congiunzione importante tra l’anteriore e il posteriore, col fondato rischio di avere una vettura più sensibile alle torsioni. Per risolvere la questione, gli ingegneri Audi hanno rinforzato le longarine sottoporta, i montanti anteriori e la cornice del parabrezza. E grazie all’utilizzo di materiali leggeri come il carbonio e l’alluminio il peso in ordine di marcia è stato contenuto in soli 1720 kg.

Prima di mettere in moto una doverosa menzione alla capote: anche lei è stata messa a dieta e grazie a elementi in magnesio e alluminio, oltre che al rivestimento in tessuto, il peso è di soli 44 kg. Per aprirla bastano 20 secondi e vista la pioggia che inizia a cadere non appena saliti a bordo si apprezza subito la rapidità del meccanismo.

Gli interni sono un riuscito connubio tra comfort e atmosfera racing, amplificata dalla plancia essenziale e pulita, su cui non troneggia il solito display. Tutte le informazioni sono concentrate nell’Audi Virtual Cockpit, display da 12,3” che sostituisce il cruscotto tradizionale e il suddetto display: senza mai staccare le mani dal volante si tengono sott’occhio il navigatore, le informazioni sul viaggio, la stazione radio etc. Letteralmente tutto in uno: certo il passeggero è tagliato fuori e sterzando si copre con le mani una porzione dello schermo, ma sono piccolezze.

Inoltre alcuni dettagli in plastica - vedi i paddles e le finiture del volante - stonano con i pellami pregiati dei sedili avvolgenti e soprattutto col prezzo: 184.400 euro, cifra pronta a lambire quota 200 con l’aggiunta di alcuni must have come i fari laser e l’impianto audio Bang&Olufsen con diffusori integrati nei poggiatesta.

Il comportamento su strada è ineccepibile: l’entusiasmante sound del V10 non deve intimorire, la R8 si guida con una facilità disarmante e le tre modalità di marcia selezionabili dal manettino posto sul volante, aiutano a scegliere i parametri migliori ad ogni situazione. Su fondo bagnato basta selezionare “wet” per viaggiare sui binari anche spingendo sull’acceleratore. Il merito è della nota trazione integrale quattro a regolazione attiva che trasferisce la potenza dove e quando serve, così come il controllo elettronico della stabilità con gestione selettiva della coppia sulle singole ruote. E quando la potenza non serve, il sistema cylinder on demand disattiva una bancata di cilindri contribuendo a limitare i consumi.

In generale la nuova R8 Spyder si è confermata una supercar con indubbie doti granturistiche – a patto di partire con due zainetti - e anche a capote abbassata fino ai 130 km/h si conversa senza problemi col proprio vicino. Sempre che non si preferisca ascoltare il rombo della mandria di cavalli alle proprie spalle…

Audi R8 V10 Plus selection 24h, per pochi eletti

Articoli correlati

Commenti