Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Notizie in pillole

Vedi Tutte
Notizie in pillole

Nba, sotto l'albero c'è Cavaliers-Warriors

Nba, sotto l'albero c'è Cavaliers-Warriors
© AP

Stasera la gemma della serata NBA natalizia sarà il remake delle ultime due finali che andrà anche in diretta in chiaro su Cielo alle 20.30

 

domenica 25 dicembre 2016 19:27

ROMA - La NBA non si concede soste natalizie e come piatto forte della sera di natale propone il remake delle ultime due finali: la sfida tra i Cleveland Cavaliers, oggi padroni di casa, e i Golden State Warriors. Gli uni primi in solitaria ad Est e gli altri padroni dell'Ovest si fronteggeranno in match dal tasso tecnico stratosferico che non può limitarsi al solo confronto personale tra LeBron James e Steph Curry dal momento che quest'anno al sole della California, sponda Warriors è arrivato anche Kevin Durant che insieme a Draymond Green e ai vari Kyrie Irving e Kevin Love arricchirà in maniera decisamente importante lo spettacolo in campo. 

DIRETTA IN CHIARO SU CIELO - La palla a due è prevista tra poco più di un ora e per l'occasione - decisamente speciale sarà trasmessa in chiaro su Cielo (canale 26 del bouquet del digitale terrestre.

LUE: "CAVS-WARRRIORS PUO' DIVENTARE COME CELTICS LAKERS - L'attesa per un match sulla carta senza pronotico è tanta e negli occhi i ricordi  della storica rimonta dei Cavs che vinsero l'ultimo titolo recuperando dopo essere stati sotto 3-1 nella serie  sono amncora più che mai accesi, ma il coach dei Cavs Tyronn Lue ha le idee chiare sul fatto che al momento queste sono deciusamente le due squadre più forti della Lega e che potrebberò dare vita ad una dinasty 2.0 simile a quella degli anni '60-'70 che vide primeggiare per quasi un decennio Lakers e Celtics: "Se Cavs e Warriors dovessero continuare di questo passo restando al vertice per diversi anni ancora, si potrebbe ripetere una situazione sumile a quella che vide coinvolti Lakers e Celtics, che vinsero tantissimi titoli a cavallo tra gli anni '60 e '70. Loro hanno una grande squadra ma devo dire che anche noi abbiamo tanto talento. E poi va detto che quando si parla di basket adesso si parla oggettivamente sempre di Golden State, Cavaliers e San Antonio Spurs e questo non può che inorgoglirci". 

Articoli correlati

Commenti