Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Olimpiadi Invernali

Vedi Tutte
Olimpiadi Invernali

Olimpiadi Invernali, Mattarella: «Con voi tutto il paese»

Olimpiadi Invernali, Mattarella: «Con voi tutto il paese»
© UFFICIO STAMPA

Il portabandiera Planker: «Per me è un grande onore, spero che questa Bandiera sventoli spesso a PyeongChang 2018»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 18 dicembre 2017 16:51

ROMA - In tarda mattinata al Palazzo del Quirinale il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella ha incontrato le squadre azzurre olimpica e paralimpica impegnate nella prossima edizione dei Giochi Invernali di PyeongChang 2018, in Corea del Sud. Il Capo dello Stato ha consegnato la Bandiera italiana ai due portabandiera azzurri: la pattinatrice olimpica Arianna Fontana e l'hockeista paralimpico Florian Planker. Alla cerimonia erano presenti Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Giovanni Malagò, Presidente del Coni e Luca Lotti, Ministro per lo Sport.

«Benvenuti - apre Mattarella- è un piacere incontrarvi. Non si arriva facilmente ai Giochi Olimpici e Paralimpici, voi tutti avete fatto un lungo percorso, impegnativo e faticoso. Dunque complimenti per essere stati selezionati. Ora andrete a perseguire delle medaglie che servono più che a superare gli avversari, a superare se stessi, a porsi sempre nuovi traguardi. Ricordate che dietro questa Bandiera c'è l'intero Paese ad accompagnarvi e sostenervi. Con voi verrà tutta l'Italia e noi tutti cercheremo di seguire le vostre gare, anche con il fuso orario sfavorevole. Un enorme in bocca al lupo!».

Questo l'augurio del Presidente della Repubblica che lascia la parola a Luca Lotti: «Pensate ai giganti dello sport che vi hanno preceduto. E nei momenti di abbattimento, quando tutto sembrerà perso, trovate la forza nel pensiero di atleti come Zeno Colò, la prima medaglia d'oro olimpica invernale della nostra storia e arrivate al traguardo. Dietro questa bandiera, c'è tutto il Paese».

Luca Pancalli aggiunge emozionato: «Ho pensato a quattro parole chiave per sciogliere la forte emozione che mi provocano momenti come questo: riconoscenza, gratitudine, orgoglio e passione. Grazie Presidente perché non ci ha fatto mai mancare la sua vicinanza e partecipazione, per il sostegno al nostro movimento. Questa di oggi è l'istantanea più bella di un Paese che si racconta attraverso lo sport e la piena inclusione. Questo Tricolore che riceviamo dalle sue mani è simbolo dell'unità nazionale e dell'orgoglio del nostro Paese. Abbiamo scelto Florian perché lo portasse a PyeongChang perché è alla sua 6ª paralimpiade, e perché è stato un vero protagonista prima sulle piste innevate con lo sci alpino, ora sul ghiaccio del para ice hockey. Florian e ciascuno dei nostri formidabili atleti dimostreranno di essere un esempio di coraggio e perseveranza per tutti, perché animati da grande passione per ciò che fanno.Mi auguro che questa immagine di un'unica squadra, olimpica e paralimpica, possa rappresentare un piccolo passo di crescita culturale per l'intero Paese».

La campionessa di pattinaggio di short track Arianna Fontana sarà la prima a sfilare e non si dice preoccupata per le tensioni internazionali caudate dalle minacce del regime di Pyeongyang. L'altro portabandiera azzurro Florian Planker: «Non è una cosa da tutti i giorni essere qui. L'emozione non si nasconde. Per me è un grande onore essere stato scelto come portabandiera, sono fiero di quello che ho fatto e grato a Luca Pancalli per il suo contributo all'intero movimento paralimpico che è cresciuto enormemente negli ultimi anni. Spero che questa Bandiera porti fortuna alla mia squadra, perché dobbiamo fare qualcosa di più che in passato, meritiamo qualcosa di più, e che porti fortuna all'intero sport azzurro. Mi auguro che sventoli spesso a PyeongChang 2018».

Articoli correlati

Commenti