Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Fiorentina

Vedi Tutte
Fiorentina

Serie A Fiorentina, Salica: «Non è una società in dismissione»

Serie A Fiorentina, Salica: «Non è una società in dismissione»

Il vicepresidente: «Puntiamo su un club che nel giro di due anni possa essere ancora più sano e forte»

 

lunedì 4 settembre 2017 18:25

FIRENZE - "Siamo fiduciosi, dobbiamo esserlo. Possiamo sbagliare ma nessuno deve pensare che questa società sia in fase di dismissione". E' quanto ha dichiarato il vicepresidente della Fiorentina Gino Salica ai microfoni dell'emittente Radio Bruno. "Puntiamo su una Fiorentina che nel giro di due anni possa essere ancora più sana e forte: in tal modo potrà diventare più appetibile per tutti, per eventuali compratori ma pure per gli attuali proprietari - ha aggiunto il dirigente viola - Il deciso comunicato diffuso a giugno dai fratelli Della Valle dice essenzialmente due cose: riguardo alle critiche ne prendiamo atto e se qualcuno è più bravo si faccia avanti. Nel secondo punto però si fa riferimento al mandato di portar avanti il programma ed è quanto sta accadendo compreso il progetto stadio: ci sono tutte le condizioni per poterlo attuare, siamo sempre in contatto col Comune". Poi rivolgendosi a quei tifosi da tempo in aperta contestazione verso i Della Valle: "Le scorie dell'ultimo anno hanno intossicato l'ambiente. Detto questo, siamo in autofinanziamento ma la società non ha debiti ed è gestita bene. Quanto alla squadra, ci sono molte scommesse ma siamo fiduciosi grazie anche a un tecnico motivato. Ci sono insomma le condizioni per un campionato positivo nonostante le due sconfitte iniziale. Andrea Della Valle di nuovo al Franchi? Ci contiamo. Il comunicato di giugno non è stato uno scherzo, a tutta la famiglia interesse e passione non sono mai mancati ma il calcio di oggi necessita di riflessioni". Oggi è stato presentato l'attaccante francese Cyril Thereau, ex Udinese: "La Fiorentina è una grande occasione. Ero vicino alla Samp però ho bloccato tutto dopo la telefonata di Pioli. Ora mi sento al top della carriera e punto a superare il mio primato di gol".

Articoli correlati

Commenti