Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Tennis, vola Berrettini a Sofia: batte Verdasco e centra la semifinale
© EPA
Tennis
0

Tennis, vola Berrettini a Sofia: batte Verdasco e centra la semifinale

Seconda vittoria in rimonta dopo quella su Karen Khachanov. L'azzurro supera il mancino spagnolo 4-6 7-5 6-4

SOFIA - Seconda rimonta di fila e seconda semifinale ATP in carriera. Dopo Karen Khachanov, Matteo Berrettini piega alla distanza 4-6 7-5 6-4 anche Fernando Verdasco. Non giocava una semifinale nel circuito maggiore dal torneo di Gstaad dell'anno scorso, in cui ha conquistato il suo primo e finora unico titolo in carriera. L'azzurro affronterà Marton Fucsovics che si è qualificato senza giocare perché lo spagnolo Roberto Bautista-Agut ha annunciato il ritiro prima del match.

AVVIO IN SALITA - Come nel match contro Khachanov, numero 11 del mondo e terzo top-20 sconfitto in carriera dall'azzurro, non è convincente l'avvio al servizio di Berrettini, che chiude il match con il 60% di prime in campo da cui ottiene il 76% di punti. il romano, che resta sopra il 50% di resa con la seconda, salva due palle break nel secondo gioco ma non rimedia nel sesto da sotto 0-40. Verdasco, però, quando va a servire per il set, consente all'azzurro di cancellare lo svantaggio con il doppio fallo sulla palla break. Berrettini va sotto 0-40 sul 4-5 ma aggira i tre set point: il primo con un ace, il secondo con una gran combinazione servizio-dritto, il terzo senza perdere campo sulla diagonale sinistra, la più difficile per lui contro il mancino spagnolo che gli alza le traiettorie contro il rovescio. Ne concede un quarto, però, e si arrende al secondo doppio fallo della partita.

LA RIMONTA - Verdasco, attuale numero 26 del mondo, mostra qualche preoccupante passaggio a vuoto e scivola sotto 0-40 nel settimo game. Riesce ad evitare il break, ma il romano interpreta meglio lo sviluppo del gioco. La pressione di servire sempre per secondo non lo condiziona particolarmente. E' invece Verdasco il primo a crollare. Regala il break nel penultimo game con quattro errori di dritto, Berrettini ringrazia e inizia a costruire la sesta vittoria tra ATP e Slam dopo aver perso il primo set. Aumenta ancora il ritmo dell'azzurro nel terzo set. Concede una sola palla break in tutto il parziale, e chiude con l'ottavo ace dell'incontro, sul match point, col brivido finale per il verdetto di Hawk-Eye.

LA SEMIFINALE - La decima vittoria sul duro nel circuito maggiore, la 24ma in carriera, lo proietta al secondo scontro con Marton Fucsovics, alla seconda semifinale in carriera. Ex campione junior a Wimbledon nel 2010, è diventato a gennaio l'ungherese con la miglior classifica dai tempi di Taroczy nel settembre 1984. Berrettini ha vinto l'unico precedente, nel 2018, 6-3 6-4 nella semifinale del Challenger di Irving.

Vedi tutte le news di Tennis

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti