Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Sitting volley

Vedi Tutte
Sitting volley

Sitting Volley: Nadia Bala testimonial al Majorana di Guidonia

Sitting Volley: Nadia Bala testimonial al Majorana di Guidonia

Saranno quattrocento gli studenti che potranno vivere  una giornata all'insegna del divertimento e dello sport insieme all' "Ambasciatrice" della Fipav

Sullo stesso argomento

 

martedì 23 gennaio 2018 19:51

GUDONIA (ROMA)-Continua il lavoro di promozione e integrazione del sitting volley nelle scuole e giovedì 25 gennaio saranno oltre 400 i ragazzi presenti al Liceo Majorana di Guidonia per una giornata all’insegna del divertimento e dello sport che si alterneranno tra gare di 6vs6 ed esercizi atletici. Ospite d’eccezione sarà Nadia Bala, ambasciatrice e testimonial del Sitting Volley Italiano e certamente tra i volti più noti della disciplina paralimpica.

 «Vogliamo rendere inclusiva questa bellissima disciplina, una pallavolo che, in sintesi, si gioca seduti per terra, dando la possibilità a normodotati e disabili di giocare insieme ». Racconta Fabio Camilli, Vice Presidente della FIPAV Lazio e referente regionale per le attività di sitting volley.

«Sarà certamente una giornata di grande impatto emotivo per gli studenti presenti al Majorana che avranno la possibilità non solo di vedere questa attività sportiva, ma di praticarla e di conoscere Nadia Bala, testimonial del sitting volley italiano, da sempre molto attiva nella promozione di tale attività ».

TOGETHER IS BETTER-

« Con il lancio del progetto Sitting Volley – Together Is Better -prosegue Camilli-, realizzato dalla FIPAV Lazio in collaborazione con la Fondazione Vodafone Italia, vogliamo creare dei Centri di Promozione e Sviluppo nelle varie province della regione dove poter praticare la disciplina così da organizzare tornei Open provinciali e regionali fino alla realizzazione di un vero e proprio Campionato Regionale FIPAV. C’è ancora tanta strada da fare e abbiamo deciso di partire dalle scuole per lanciare un messaggio semplice, quello di voler superare le barriere e dare a tutti gli studenti con disabilità fisica la possibilità di praticare questo bellissimo sport. Sono già diversi anni che proponiamo con successo il Sitting Volley Scuola. Quest’anno siamo giunti alla quinta edizione e sono sempre di più gli istituti iscritti che hanno compreso l’importanza di far praticare ai propri studenti, disabili e non, questa disciplina inclusiva”, ha concluso Fabio Camilli  ».

Articoli correlati

Commenti