Quando la medicina sportiva incontra il padel

Due specialisti spiegano quali siano oggi le migliori terapie per guarire dagli infortuni
Quando la medicina sportiva incontra il padel
Tagspadel

Abbiamo chiesto a due specialisti della medicina sportiva quali sono oggi le migliori terapie per guarire dagli infortuni e alcune dritte per evitare di farsi male nello sport più in voga del momento. I due professionisti consigliano come approcciarsi al meglio al padel. Da una parte il dottor Luca La Verde, specializzato in ortopedia e traumatologia sportiva rigenerativa, che lavora a Villa Claudia, nota clinica privata romana. Dall’altra Manuel Lucarelli, fisioterapista di Sportkinetic Area, centro d’eccellenza nel settore (sempre nella Capitale).

La Verde

"Le problematiche - dice La Verde - sono spesso legate alla mancanza di preparazione atletica di base. Per affrontare il padel sia in modo amatoriale, che agonistico, è fondamentale prepararsi atleticamente, lavorando sulla muscolatura e sul sistema cardio circolatorio. Non bisogna fare come coloro che giocano improvvisati a calcetto il mercoledì sera, e poi escono dai campi tutti rotti". Un altro punto importante è la scelta delle attrezzature sportive: "Non risparmiate sulla qualità dei materiali. Spesso il giocatore amatoriale sceglie una racchetta con leggerezza, non avendo conoscenze del peso e del materiale, andando incontro a gravi problemi al braccio per le vibrazioni. Racchette pesanti, non bilanciate, materiali scarsi che attutiscono poco i colpi, causano le classiche infiammazioni tendinee, come epicondilite, e del metacarpo. Basta prendere piccoli accorgimenti e si possono evitare questi fastidiosissimi problemi. Per esempio la fibra di carbonio nelle racchette è un buon materiale per evitare traumi, come l’impugnatura Hesacore che elimina le vibrazioni e riduce i traumi al braccio. Armi mediche importanti sono oggi la medicina rigenerativa abbinata all’ortopedia: entrambe servono a rigenerare i tessuti e sono usate per curare i traumi dei tendini; per esempio, sono ottime le infiltrazioni di acido ialuronico e il prp (plasma ricco di piastrine). Invece le lesioni della cartilagine, come caviglie e ginocchia, vengono trattate con le cellule staminali".

Lucarelli

Lucarelli, invece, ci parla da fisioterapista: "Bisogna evitare di forzare le articolazioni dando spazio alla qualità del movimento. Le articolazioni maggiormente stressate sono la cuffia dei rotatori, i muscoli paravertebrali lombari e il piriforme, ma anche il tricipite surale per la sua spinta propulsiva. La prevenzione deve essere focalizzata sull’equilibrio tra i muscoli agonisti e antagonisti del cingolo superiore, un potenziamento specifico di glutei, quadricipiti, tricipite surale dell’arto inferiore, e un adeguato controllo neuromotorio attraverso esercizi su superfici instabili". Poi Lucarelli consiglia di non esagerare: "È bene sempre alternare un giorno di riposo tra una partita e l’altra". Ma i bambini possono giocare a padel? "Il padel è per tutti senza limiti di età. Per i bambini non dimentichiamo l’atletica compensativa, fondamentale in tutti gli sport dove si utilizza di più principalmente un’arto... Per il resto buon divertimento a tutti con il padel!".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti