Liverani: bandeja e tattica

È stato tra i protagonisti in Sardegna della Padel Summer Cup. L'ex calciatore e il suo stile: "Ero regista, gioco morbido, uso meno forza e più qualità"
Liverani: bandeja e tattica
TagspadelliveraniPadel Summer Cup

Vedeva il gioco prima degli altri, inventava spazi con lanci telecomandati, e insegnava i movimenti ai compagni. Fabio Liverani, signore del centrocampo nel primo decennio del secolo, adesso è un buon giocatore di padel. Anche là non sfigura e punta tutto sulla qualità, tratto distintivo della sua carriera da calciatore. In attesa di tuffarsi in una nuova avventura da allenatore, in questi giorni è stato tra i protagonisti della Padel Summer Cup al Forte Village Resort in Sardegna. "Ho giocato - racconta l'ex Lazio e Palermo - insieme a Stefano Bettarini, Duccio Innocenti e Jimmy Ghione contro Massimo Oddo, Nicola Legrottaglie, Flavio Montrucchio e Dario Marcolin. Sono state tre giornate divertenti. È bello abbinare mare, sport e beneficenza".

Primi approcci con padel?

"Nel 2015. Mi alleno a Roma, nel centro sportivo Gsd Nuova Tor Tre Teste, che è casa mia. Sei anni fa sono nati i primi tre campi di padel. Da lì è partito tutto. La crescita di questo sport è stata esponenziale, più di quello che uno poteva pensare. Ti faccio un esempio: oggi a Roma difficilmente riesci a programmare una partita giorno su giorno perché i campi sono tutti pieni".

Quante partite a settimana?

"Quando non ho impegni lavorativi il padel è il mio sport principale e gioco 3-4 volte a settimana. Non ho un compagno fisso, si va in campo quando capita. A volte succede che i miei ex colleghi mi coinvolgano in agguerriti tornei. C'è competizione ed è normale perché veniamo dal calcio. Poi si ride e si sta insieme. Ma quello che ti tiene vivo e appassiona chi ha fatto calcio è proprio lo spirito di competizione che rimane per sempre. Siamo portati al padel perché è un gioco sia di squadra sia molto tattico quindi ci adattiamo benissimo".

Una classifica dei migliori?

"Conosco più quelli dell'ambito romano. Su tutti dico Fiore, che gioca solitamente con Giannichedda o Corradi. Anche Candela è molto bravo. Io? Da 1 a 10 come livello sono tra il 6 e il 7. Ma gli altri hanno avuto più tempo libero di me: negli ultimi anni ho sempre allenato e non ho giocato quasi mai. È difficile aver il tempo quando hai una panchina".

Il colpo preferito?

"Sono stato regista... Gioco morbido, di bandeja, uso meno forza e un po' più di qualità. Sono molto tattico".

Se dovessi lanciare una sfida?

"Sceglierei di giocare un derby. Sfiderei Totti e Candela. E mi metterei in coppia con Fiore".

Inevitabile un commento sugli Europei.

"Sono entusiasta. È stata costruita una squadra che ha trascinato un popolo. Dietro un grande successo c'è sempre un grande lavoro. Ho visto molta unione e il concetto di essere squadra a prescindere da chi poteva far gol. Qua è stato bravo Mancini. Se me l'aspettavo? No, per vincere ci vuole un pizzico di fortuna. E l'Italia l'ha meritata".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti