Impara a sfruttare le emozioni, trova la motivazione per correre

Le emozioni che ti spingono a correre sono un'arma potente per continuare a farlo, impara a sfruttarle

© Phototoday

Nonostante correre o camminare possa diventare una piacevole abitudine, come dimostrano i milioni di italiani che praticano podismo con regolarità, superare gli ostacoli iniziali è una impresa molto difficile per la maggior parte delle persone che decidono di provare.

Il nostro cervello non ama le novita?, anche se utili e piacevoli come correre o camminare. Per chi inizia, infatti, le prime sedute di allenamento rappresentano un “muro” psicologico che ha bisogno di tanta motivazione per essere superato.

Una efficace strategia è quella di sfruttare le emozioni positive che si provano alla fine delle sessioni di allenamento. Le emozioni gratificanti che si vivono, sono infatti direttamente proporzionali alla resistenza che si prova prima di partire.

Alla fine della tua sessione di allenamento fissa le sensazioni positive, registrandole subito sullo smartphone. È importante farlo subito, nei primissimi minuti che seguono la fine degli allenamenti.

Questo ti consentira? di fissare quello stato emozionale positivo, per potervi attingere, riascoltandolo, prima degli impegni successivi.

In ognuno di noi convivono due anime, delle quali una e? facile preda dell’istinto di resistenza e si fa sentire piu? intensamente prima dell’allenamento, mentre l’altra e? piu? propensa a lasciarsi andare all’entusiasmo derivante dalla consapevolezza di aver fatto la cosa giusta, ed e? preponderante alla fine della seduta.

E? proprio questa la voce che dovremo ascoltare per affrontare con entusiasmo gli allenamenti successivi, pertanto registra come se stessi parlando a quella parte di te che potra? voler resistere e rinunciare a proseguire verso il successo finale, registra tutto cio? che ti sara? utile ascoltare quando potrai essere di nuovo preda della voglia di desistere.

Testo a cura di Max Monaco, life, sport e motivational Coach, ultramaratoneta e collaboratore scientifico
dell’Università Roma 3. Fondatore e Amministratore di 6più.

Commenti