I top runner della 39^ Firenze Marathon, sei nazioni per la vittoria.Non c'è l'Etiopia

Al via 14 uomini e 6 donne, trema il primato femminile dell’olimpica israeliana Salpeter. L’Italia schiera 4 uomini e una donna
I top runner della 39^ Firenze Marathon, sei nazioni per la vittoria.Non c'è l'Etiopia
7 min

FIRENZE – Con l’apertura dell’Expo Village, è finalmente iniziato il conto alla rovescia della 39^ Firenze Marathon di domenica 26 novembre, sono 8500 i maratoneti pronti ad aggiungere un pezzettino di storia in una città che sprizza storia da ogni angolo. L’ultima vittoria italiana al maschile è quella di Angelo Carosi nel 2003 mentre quella femminile risale al 2008 e porta il nome di Giovanna Volpato. Rinnovata l’aria di grande internazionalità tra le prime file, nel corso delle 38 edizioni sono state infatti 21 le bandiere sventolate dal gradino più alto del podio.

I TOP RUNNER – Domani, sabato 25 pomeriggio alle 16.30 saranno presentati i top runner provenienti da Rwanda, Marocco, Kenya, Tanzania e Bahrein, oltre che portacolori nazionali, selezionati dal direttore tecnico e responsabile dei top runner Fulvio Massini“Domenica sarà una bella giornata, previsto sole e zero vento, ma temperatura piuttosto fredda. Tranne piccole variazioni il percorso è sempre lo stesso, veloce soprattutto nella prima parte e dove si possono fare grandi tempi. Tantissimi amatori segnano qui il primato personale e questo conferma la scorrevolezza del percorso. Fortissimi gli atleti al via tra i campioni e anche qualche italiano, vedo più probabile il poter battere il primato del percorso nella gara femminile mentre in quello maschile vogliamo comunque provare ad andare sotto le 2 ore 10 minuti."

Tra gli atleti c’è chi punta a scrivere il proprio nome nell’albo d’oro ma anche chi vuole battere il primato del percorso, attualmente nelle gambe del kenyano James Kipkogei Kutto che nel 2006 tagliò il traguardo in 2h08’40”. Questo compito è affidato al bahreinita Abdi Ibrahim Adbo Hussain grazie al suo primato di 2h08’32” fatto a Roma nel 2018 e che già conosce le strade di Firenze per essere salito sul terzo gradino del podio lo scorso anno. C’è però il marocchino Hicham Boufars alla sua quinta partecipazione e che negli anni ha collezionato anche un secondo posto con il crono di 2h12’16”, suo primato personale.

Portacolori nazionale Said El Otmani (CS Esercito), azzurro agli Europei di Cross a Lisbona e ai mondiali di Doha oltre che ai 10000 m in Coppa Europa che porta in dote il crono di 2h13’23” dall’esperienza di Ampugnano nel 2021. Bandiera ruandese per Jean Baptiste Simukeka (GS Orecchiella Garfagnana), volto noto del podismo italiano per piazzamenti importanti in diverse maratone, molte presenze e tre vittorie a Reggio Emilia dove ha staccato il suo personal best di 2h16’30”, stesso crono che porta in dote da Rotterdam 2016 il campione italiano di ultramaratona 50 km e azzurro di corsa in montagna Carmine Buccilli (Atl. Santa Marinella), già ottavo sulle strade di Firenze nel 2012.

Dal Marocco ma stabilmente in Italia da diversi anni Khalid Jbari (Athletic Club 96 Alperia), vincitore della Rimini Marathon 2022 dove ha fatto segnare il suo personal best con 2h19’36” e qui a Firenze settimo lo scorso anno. Dal Kenya Edwin Kipleting secondo alla maratona di Libreville grazie al crono di 2h20’03” e il suo connazionale Hillary Chemweno Biwott con il recente personal best di 2h21’35”. Torna il triatleta, due volte vincitore dell’Ironman di Lanzarote, Alessandro Degasperi (Trentino Running Team) proprio qui al personale nel 2021 con 2h26’40”.

Al debutto con la possibilità di sgomitare per un posto sul podio il marocchino Mohamed Baybat capace di 1h01’40” alla Cremona Half Marathon 2019 e dal ruandese Noel Hitimana, secondo assoluto alla Jesolo Moonlight HM 2019 con il crono di 1h02’01”. Chiude le fila il suo connazionale Felix Uwimana con un personale di 1h11’29” fatto registrare quest’anno.

LE DONNE – Sembrava un’impresa improbabile invece si appresta a vacillare il primato femminile del percorso che appartiene alla olimpica Lonah Chemtai Salpeter, nel 2018 lo aveva abbassato di ben quattro minuti rispetto al precedente portandolo a 2h 24’17”. Ci proverà la ugandese finalista ai campionati del mondo di cross lungo 2011 e 2013 e campionessa del mondo di corsa in montagna 2022 nonché primatista nazionale di maratona Rebecca Cheptegei che lo scorso anno ha corso ad Abu Dhabi in 2h22’47”. Il gruppo delle inseguitrici vede la tanzana campionessa nazionale 10000 m nel 2021 Failuna Abdi Matanga capace di 2h27’55” ad Amburgo nel 2019 inseguita ad un soffio dalla ruandese che vive e gareggia in Italia Clementine Mukandanga (GS Orecchiella Garfagnana) già 3^ alla Firenze marathon 2018 e 2022 quando ha fatto registrare il suo miglior tempo con 2h28’00”. Nel suo palmares, nelle prime 8 agli All-African games 10000 m nel 2015 e ai campionati africani 10000 m nel 2016 oltre che il primato nazionale di maratona. Ben più staccata la keniana Merci Jeptoo Tuitoek con il recente primato di 2h44’34”.

Al debutto Maria Gorette Subano (CUS Pro Patria Milano) che porta in dote la sesta piazza di maratona ai Giochi Commonwealth del 2022 e il titolo di campionessa nazionale 10000 m nel 2021 oltre ad un personale di 1h14’23” fatto registrare alla mezza di Milano 2023. A farle compagnia la keniana Purity Jeptoo Cheromei.

GINKY FAMILY RUN – Dopo lo start della 39^ Firenze Marathon, alle ore 9.00 da Piazza della Repubblica, partiranno i partecipanti della Ginky Family Run 2 km, un’opportunità per trascorrere del sano tempo in famiglia divertendosi e contribuendo a nutrire la cultura dello sport come strumento di benessere psico-fisico e sociale. Al termine dell’evento, saranno premiate le prime 5 scuole elementari (con un premio in denaro finalizzato all’acquisto di materiali didattico-sportivi) e medie che presenteranno alla partenza un minimo di 20 partecipanti. La manifestazione fa parte della Marathon School Cup che unisce la classifica della Ginky Family Run con quella della Mini GuardaFirenze.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti