È morto il mago delle diete vip: curò anche Maradona, CR7 e Lotito

Henri Chenot se n'è andato a 77 anni, dopo una lunga malattia. Conosciuto come il re del dimagrimento dei ricchi e famosi, nella sua lunga carriera attirò molte celebrità, da Andreotti a Zinedine Zidane e Cristiano Ronaldo
È morto il mago delle diete vip: curò anche Maradona, CR7 e Lotito© ANSA
TagsMaradonaChenotCristiano Ronaldo

È morto la scorsa notte in una clinica di Lugano Henri Chenot, celebre re delle diete per vip. Aveva 77 anni. Malato da tempo, si era trasferito in Svizzera da circa un anno.

Tutte le celebrità alla corte di Chenot

Fondatore della biontologia, i suoi metodi di cura e le sue diete hanno attirato a Merano - prima a Villa Eden e poi all'Hotel Palace - tantissimi nomi illustri del jet set e della politica, come Giulio Andreotti, Luciano Pavarotti, Naomi Campbell, Flavio Briatore, Lucio Dalla. Nel mondo dello sport, spiccano i nomi di Zinedine Zidane, Cristiano Ronaldo e Diego Armando Maradona, che nel 2009 proprio durante un soggiorno di cure a Merano dovette consegnare alla Guardia di finanza i suoi amati orecchini per una serie di guai con il fisco italiano. Nel 2018 anche il presidente della Lazio, Claudio Lotito, era andato in ritiro nella clinica del famoso mago delle diete, a Bolzano.

Catalano di origine e francese di adozione, Chenot studia biologia e psicologia per poi concentrarsi sulla medicina cinese e la naturopatia. Negli anni '70 sviluppa un approccio innovativo alla prevenzione delle malattie. Il suo primo centro lo crea a Cannes nel 1974, il primo famoso Espace Henri Chenot presso l'Ospedale Generale di Cannes.

Maradona e Buenos Aires, l'addio dal cuore della città
Guarda la gallery
Maradona e Buenos Aires, l'addio dal cuore della città

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti