Nuova ordinanza: sport, supermercati e passeggiate, ecco tutte le regole

Gli esercizi che vendono generi alimentari saranno aperti anche nel weekend, limiti per le camminate di salute, jogging pressoché vietato: ecco il nuovo vademecum
Nuova ordinanza: sport, supermercati e passeggiate, ecco tutte le regole© ANSA
3 min

ROMA - Il prossimo 25 marzo entrerà in vigore una nuova ordinanza del governo Conte che andrà a rinnovare il decreto con cui era stata imposta la chiusura di molti esercizi, dai bar e i ristoranti ai negozi, e permettendo di fatto le uscite solo per "comprovate esigenze di lavoro e familiari". Il nuovo provvedimento avrà valenza bisettimanale.

I supermercati

Supermercati, centri commerciali e negozi che vendono generi alimentari resteranno aperti anche nei weekend. Nonostante le pressioni di alcuni presidenti di giunte regionali, si è ritenuto che chiudere questo tipo di esercizi nei fine settimana avrebbe di fatto creato maggior ressa nei restanti giorni. Resteranno immutate le regole sulla distanza, sia in fila che all'interno, oltre che sull'ingresso uno per volta e la raccomandazioni sull'uso di guanti e mascherine.

Gli uffici

Tutti gli uffici pubblici resteranno aperti, per quel concerne i privati, invece, la deroga abbraccerà soltanto coloro i quali saranno in grado di dimostrare di non poter esercitare l'attività in smart working.

I parchi

Sarà del tutto vietato l'accesso a parchi, ville, giardini ed aree gioco, che saranno vigilate dalle forze dell'ordine o dall'esercito. Forti limitazioni anche per le passeggiate di salute o col cane: saranno consentite soltanto in prossimità della propria abitazione e per un tempo non eccessivo.

Sport all'aperto

Non sarà consentito svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto. Sarà possibile svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona. Vietate quindi le piste ciclabili e l'attività di jogging in giro per le città e i paesi.

Bar ed autogrill

Si è deciso di "chiudere gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade,
che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro", si legge nell'ordinanza.

Seconde case

"Nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza": l'ordinanza mira ad evitare spostamenti nei weekend e in concomitanza delle festività, oltre che a limitare, nei restanti giorni, gli spostamenti solo per gravi motivi di lavoro, salute o necessità.

Posti di blocco

Saranno intensificati i posti di blocco, nei quali potranno essere impiegati anche i militari. I cittadini dovranno consegnare le proprie autocertificazioni, di cui sarà verificata la regolarità. Saranno inoltre effettuati riscontri su quanto dichiarato anche in un secondo momento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti