Nuovo decreto Conte: la lista completa di cosa si potrà fare dal 4 maggio

L'Italia si appresta a intraprendere la "Fase 2": ecco cosa si può e cosa non si può fare
Nuovo decreto Conte: la lista completa di cosa si potrà fare dal 4 maggio© ANSA
TagsCoronavirusdecreto

ROMA - Nel discorso alla nazione del 26 aprile, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è rivolto ai cittadini, ringraziandoli per il comportamento tenuto durante questo periodo di quarantena per il Coronavirus e invitandoli a tenere duro in vista dell'inizio della "Fase 2": "Avete dimostrato forza, ora inizia una nuova fase. Dobbiamo affrontarla con metodo e rigore ed evitare il rischio che il contagio torni a diffondersi". A partire dal 4 maggio (e al momento fino al 17 dello stesso mese), quindi, occorrerà continuare a seguire delle regole. Ecco nel dettaglio la lista di cosa si potrà e cosa non si potrà fare.

Spostamenti

Sarà possibile spostarsi all’interno della regione. Non solo per ragioni di salute, lavoro o necessità, ma anche per fare visite mirate ai congiunti, rispettando comunque le misure del distanziamento sociale e l'obbligo di indossare le mascherine. Resta il divieto di assembramenti familiari.

Parchi

Saranno riaperti gli accessi a ville e parchi, sempre nel rispetto del distanziamento sociale, con l’obbligo di mascherine ed evitando assembramenti. I sindaci, tuttavia, potranno valutare l’opportunità di mantenere il divieto per le aree in cui non sussistano le condizioni per mantenere la giusta distanza.

Attività sportiva individuale

Possibile svolgere attività sportiva all’aperto, anche lontano dalla propria abitazione, rispettando sempre la distanza di due metri dagli altri (nel caso della passeggiata sarà sufficiente un metro).

Attività sportiva professionale

In riferimento alle discipline individuali sarà possibile svolgere le sessioni di allenamento professionisti e non professionIn isti (ma con riconoscimento di interesse nazionale dato dal Coni). Per quanto riguarda gli sport di squadra, tutto è rimandato al 18 maggio.

Sintomatici

Chiunque presenti sintomi di infezioni respiratorie e/o febbre sopra i 37,5° dovrà restare a casa e informare il medico di famiglia.

Funerali

Consentiti i funerali, con la presenza soltanto dei congiunti e per un massimo di 15 persone munite di mascherina e a distanza di sicurezza.

Funzioni religiose

Continua il divieto di celebrare funzioni religiose.

Take away

È possibile comprare cibo da asporto, da consumare a casa in ufficio. Obbligatorio fare la fila, continuando a rispettare le distanze di sicurezza e ritirando il cibo una persona alla volta.

Attività produttive

Ecco le attività che possono riprendere: il settore manifatturiero, i cantieri e il commercio all’ingrosso funzionale per entrambi i settori. Per trasporti e cantieri sono stati sottoscritti nuovi protocolli. Durante la settimana che intercorre tra l’annuncio e l’entrata in vigore del Dpcm le aziende dovranno provvedere a preparare i luoghi di lavoro secondo le prescrizioni. Dal 18 maggio potranno riaprire le attività di vendita al dettaglio, le mostre e i musei. Si dovrà aspettare il 1° giugno per bar, ristoranti, parrucchieri e centri estetici.

Mascherine

Sarà fissato un prezzo unico, che dovrebbe aggirarsi intorno ai 50 centesimi per quelle chirurgiche.

Scuole

Chiuse fino a fine anno scolastico. La ripartenza è prevista per settembre.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti