Coronavirus, bassi tassi di contagio tra marito e moglie

E' quanto emerge da uno studio condotto da Altamedica Medical Center di Roma
Coronavirus, bassi tassi di contagio tra marito e moglie© LAPRESSE
2 min

ROMA - "La valutazione dell'outbreak di Covid-19 in cluster familiari apre nuove questioni sulla trasmissione virale. La quarantena non sembra aver protetto i nuclei familiari più di quanto già la virulenza faccia di per sé stessa" sono le parole Claudio Giorlandino, riportate da Adnkronos. Il ginecologo, direttore scientifico del Gruppo sanitario Altamedica e direttore generale dell'Italian College of Fetal Maternal Medicine ha spiegato: "Dai dati è emerso che nel 35% delle famiglie i coniugi, pur vivendo insieme, dormendo nello stesso letto, respirando la stessa aria e mangiando dalle stesse portate, non hanno trasmesso il virus al compagno e tantomeno ai figli. Dunque l'intimità non fa male, anzi nel cluster ambulatoriale esaminato sembrerebbe addirittura protettiva per chi si contagia dal partner poiché non manifesta sintomatologia". I dati emersi dallo studio condotto da Altamedica Medical Center di Roma: nel 65% dei nuclei familiari  valutati è stata identificata una trasmissione del virus tra i due coniugi, mentre il restante 35% ha riportato la presenza di un test sierologico negativo nell'altro coniuge. Lo studio ha valutato la trasmissione del virus in 40 cluster familiari composti da 110 membri (80 genitori e 30 figli) che hanno vissuto a stretto contatto con coniugi affetti da Coronavirus durante il lockdown. 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti