"Coronavirus, i cani possono identificare le persone infette"

Così la veterinaria Daniela Leal: "È ciò che fanno anche con altre malattie, come diabete o cancro. Non riconoscono l'odore del virus, ma quello che emana il corpo dopo aver contratto il Covid"
"Coronavirus, i cani possono identificare le persone infette"© EPA
TagsCoronavirusLealcani

BARCELLONA (Spagna) - La Generalitat de Catalunya ha iniziato una serie di test pilota, in Finlandia ci lavorano già da settembre: sono i cani il possibile nuovo alleato dell'uomo nella lotta al Coronavirus. "Più o meno come fanno già con altre malattie, come il diabete o il cancro, hanno la capacità di riconoscere determinati odori nelle persone infettate da Sars-Cov2. I cani non riconoscono l'odore del virus, quanto piuttosto quello che il corpo produce quando viene infettato. Hanno una sensibilità olfattiva a diversi odori che si manifestano come risultato dei cambiamenti metabolici che si verificano nei pazienti e, quindi, possono essere in grado di rilevare pazienti con Covid-19. Perché ciò sia possibile, devono essere addestrati in anticipo a riconoscere odori specifici", afferma a Sport and Life Daniela Leal, veterinaria della Barkin.

"Cani e Coronavirus, 94% di successo"

"Uno studio dell'Università di Hannover ha evidenziato che i cani hanno avuto fino al 94% di successo nel rilevare le persone con Covid-19. I cani sono addestrati a riconoscere gli odori. L'odore viene presentato al cane e attraverso la tecnica del rinforzo positivo, che consiste nell'aggiungere uno stimolo piacevole quando il cane esegue un comportamento appropriato, cioè premiare il cane dopo aver obbedito a un ordine, viene educato ad individuare questo tipo di odore. Possono essere utilizzati in luoghi pubblici? È ancora troppo presto per dirlo poiché non sappiamo se i cani possano rilevare le persone infette in un contesto reale e se hanno la capacità di farlo anche in luoghi pubblici. Inoltre, sono necessari ulteriori studi per capire se i cani possano differenziare un'infezione da Covid-19 da un'altra, come una semplice influenza. La situazione è più complessa di quanto possa sembrare a priori", conclude Daniela Leal.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti