Coronavirus, LeBron James: "Porte chiuse? Mi adeguo alle autorità"

Il campione dei Los Angeles Lakers, dopo aver minacciato di non giocare senza pubblico, ha corretto il tiro: "Sarei deluso, ma la sicurezza viene prima di tutto"
Coronavirus, LeBron James: "Porte chiuse? Mi adeguo alle autorità"© AP
TagsLeBron JamesNbaCoronavirus

WASHINGTON (USA) - La Nba potrebbe decidere tra oggi e domani come affrontare l'emergenza coronavirus, mentre anche LeBron James corregge il tiro, dopo aver detto che non avrebbe giocato a porte chiuse, senza tifosi: "Ovviamente sarei molto deluso di non averli, perché gioco per loro, ma dobbiamo ascoltare le persone che stanno seguendo l'evoluzione della situazione e se dovessero ritenere che la cosa migliore per la sicurezza dei giocatori, dei tifosi e della lega è di giocare senza tifosi dobbiamo adeguarci". Oggi invece ci sarà una conference call tra il commissioner Adam Silver e i proprietari o i dirigenti delle 30 franchigie. Diverse le ipotesi sul tavolo: porte chiuse, partite solo in città dove il coronavirus non è ancora arrivato o in campo neutro. Quella più estrema è la sospensione di una stagione con un business da circa 8 miliardi di dollari.

(In collaborazione con Italpress)

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti