Corriere dello Sport

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Serie A, Inter: Eder, se ci sei batti un colpo

Serie A, Inter: Eder, se ci sei batti un colpo
© Getty Images

L'attaccante classe 86 non ha ancora trovato la via del gol con la maglia nerazzurra. La sfida di domani sera contro la Fiorentina è di fondamentale importanza per continuare a sperare nel terzo posto.

Sullo stesso argomento

 Marco Gentile

sabato 13 febbraio 2016 14:14

MILANO- Eder Citadin Martins deve ancora conquistare la fiducia dei tifosi dell’Inter. Il classe 86, in 19 presenze con la Sampdoria ha messo insieme 12 reti e tre assist: con la maglia nerazzurra, invece, tre presenze senza riuscire mai a lasciare il segno. Domani sera, contro la Fiorentina, Roberto Mancini gli concederà un’altra chance da titolare, al fianco di Mauro Icardi, nella speranza che Eder torni a fare quello che ha sempre fatto alla Sampdoria: segnare e sfornare assist. Il terzo posto è un obiettivo troppo importante per i nerazzurri che non possono più fallire dopo aver collezionato solo sei punti nelle ultime sei giornate.

VIOLA MANCATO- Eder, in passato, è stato molto vicino a vestire la maglia della Fiorentina: era il 2005 e Pantaleo Corvino, direttore sportivo della Viola, provò a portarlo a Firenze ma il Criciuma, squadra nella quale è cresciuto l’italo brasiliano, preferì cederlo per 550.000 euro all’Empoli. I destini di Eder e la Fiorentina si sono solo sfiorati ma mai incrociati e domani sera l’ex Sampdoria avrà l’occasione di conquistare i suoi nuovi tifosi segnando il suo primo gol in maglia nerazzurra proprio contro una diretta concorrente al titolo.

OBIETTIVO CHAMPIONS- Mancini ha voluto fortemente Eder per potenziare la rosa: il suo arrivo, però, è coinciso con il periodo più nero dell’Inter. La società nerazzurra ha investito subito due milioni di euro per il prestito oneroso e ne verserà ancora 11 per l’obbligo di riscatto. L’attaccante italo-brasiliano vuole trascinare l’Inter, con i suoi gol e i suoi assist, per raggiungere l’obiettivo stagionale che è la qualificazione alla Champions League. Il classe 86 vuole dimostrare che l’Inter ha fatto bene a puntare su di lui in questo calciomercato di gennaio e domani sera avrà l’occasione per dimostrarlo: i nerazzurri hanno bisogno di una vittoria per tirarsi su di morale ma soprattutto per prendersi, in solitaria, il terzo posto.

Articoli correlati

Commenti