Corriere dello Sport

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Il cobra Tovalieri: «Quando sfiorai la panchina della Roma»

Il cobra Tovalieri: «Quando sfiorai la panchina della Roma»

L'ex attaccante racconta questo e tanti altri aneddoti nella sua autobiografia scritta con la giornalista Susanna Marcellini, come il primo gol in A al Napoli di Maradona, o la battaglia più importante, quella per la moglie Laura, scomparsa prematuramente per una malattia

Sullo stesso argomento

di Valerio Minutiello

mercoledì 2 marzo 2016 09:29

ROMA - Il cobra è in grado di uccidere un elefante adulto con il suo morso letale. Sandro Tovalieri lo chiamavano così perché con il suo piede velenoso ha fatto molte "vittime", calcisticamente parlando. Ha calcato i campi del calcio più vero, soprattutto quelli della serie B e della serie C. A parte la Roma, non ha militato in grandi squadre, ma non ha rimpianti. È forse uno dei giocatori più sottovalutati della storia. «Se mi fossi chiamato Tovalierich forse…» racconta nella sua autobiografia scritta con la giornalista Susanna Marcellini edita da Ultra Sport e intitolata appunto "Cobra - Vita di un centravanti di strada". «Lo hanno etichettato troppo presto - scrive Bruno Conti nella prefazione - come un giocatore di serie B, probabilmente se qualcuno avesse creduto di più in lui avrebbe fatto tutta un’altra carriera».

TUTTO SULLA ROMA

LIBRI (di Massimo Grilli)

LE BATTAGLIE IN CAMPO E FUORI - Ha girato tante squadre, ma due gli sono rimaste nel cuore: la Roma, la squadra che tifava da bambino e dove ha iniziato a sognare e il Bari. Nella sua vita le battaglie più importanti le ha giocate fuori dal campo: come quella per la moglie Laura, scomparsa prematuramente per una lunga malattia. Nonostante la sconfitta Tovalieri è uscito dal campo a testa alta, ed è andato avanti grazie all’amore dei figli Ilaria e Simone.

LA ROMA E LE DONNE - Le battaglie sul campo sono state tante e i ricordi sono bellissimi. Come l’esordio con la Roma, la prima panchina in serie A: era il 1983, l’anno del secondo scudetto giallorosso. Tavolieri era un ragazzino che entrava all’Olimpico strapieno accanto a giocatori come Falcao, Pruzzo, Cerezo, Bruno Conti, Ancelotti e Di Bartolomei, agli ordini del “Barone” Liedholm. La Roma poi lo mandò a fare le ossa, come si dice in gergo: due stagioni con Pescara e Arezzo. Nell’85’ il ritorno nella capitale, a 20 anni da giocatore vero. Con la celebrità sono arrivate anche le donne, tante. Tavolieri non lo nasconde: «Non ero più nemmeno io a dover avvicinare una donna o a chiedere un appuntamento, fuori Trigoria c’era la fila di ragazze che ti davano il numero di telefono».

IL PRIMO GOL AL NAPOLI DI MARADONA - Poi il primo gol in serie A, contro il Napoli di Maradona, un’emozione fortissima: finì 1-1 al San Paolo, la sbloccò proprio lui prima del pareggio di Diego. Alla Roma è tornato da allenatore dei bambini arrivando fino agli allievi Nazionali. Ne ha allenati tanti, che ora sono in serie A: uno su tutti, Romagnoli. Giocava sulla fascia o a centrocampo, poi Tovalieri lo ha trasformato in difensore centrale.

LA PANCHINA DELLA ROMA - Nel 2013 rivela di aver sfiorato anche la panchina della Roma, dopo l’esonero di Zeman: «La domenica si giocava contro il Cagliari e se le cose non fossero andate bene il traghettatore sarei potuto essere io. Poi le cose sono andate diversamente».

IL BARI, PROTTI E IL TRENINO - L’altro pezzo di cuore è legato al Bari, dove ha vissuto la parte più importante della sua carriera. Con Igor Protti hanno formato una coppia gol eccezionale ed è nata un’amicizia vera anche fuori dal campo. L’esultanza con il trenino, inventata da lui è diventata famosa, ma ogni tentativo di imitazione è miseramente fallito.

MAZZONE - A Cagliari ha conosciuto Carletto Mazzone: «Un secondo padre, l’unico che è riuscito a mettermi in panchina senza farmi inc…». Era un Parma-Cagliari, Tovalieri entrò con i sardi sotto 3-0 e sfiorò la tripletta mancando di un soffio una clamorosa rimonta. Mazzone andò sotto la curva dei suoi tifosi e urlò: «Non capisco un c… come allenatore». Poi ripetè il concetto a lui negli spogliatoi. Nella sua carriera ha avuto anche modo di conoscere tanti presidenti focosi e passionali come Franco Sensi, Antonio Matarrese, Luciano Gaucci e Massimo Cellino. Insomma, il calcio vero vissuto da dentro.

Articoli correlati

Commenti