Maradona, parla lo psicologo: "Ha bisogno di aiuto dalla famiglia"

Aggiornamento sulle condizioni dell'ex campione, tuttora ricoverato, da parte del professor Diaz
Maradona, parla lo psicologo: "Ha bisogno di aiuto dalla famiglia"© EPA

BUENOS AIRES (Argentina) - Aggiornamento sulle condizioni di Diego Maradona da parte di Diego Diaz, psicologo dell’ex fuoriclasse del Napoli, che ha raccontato come il suo famoso paziente sia in condizioni stabili nella clinica privata Olivos di Buenos Aires dopo l’intervento chirurgico per rimuovere un ematoma subdurale, accumulo di sangue tra scatola cranica e cervello. Diaz ha spiegato ieri che l’ex campione ha bisogno di medici, terapie e "fondamentalmente di supporto familiare". Diaz ha detto che "Diego Maradona, in certe questioni, è proprio come tutti gli altri, con gli stessi limiti, difficoltà e vantaggi che ha ogni essere umano", le sue parole all'Associated Press. "L'importante oggi è che sia stabilizzato, che sia controllato in termini di gestione farmacologica, livelli di cibo e riposo".

Maradona, l'amore dei tifosi sotto la clinica
Guarda la gallery
Maradona, l'amore dei tifosi sotto la clinica

Maradona e lo stress

Il professor Diaz ha spiegato che, per una completa ripresa, saranno fondamentali il supporto "di aiuti terapeutici, degli infermieri, di un team interdisciplinare e, fondamentalmente, della sua famiglia". Intanto il dottor Lepolodo Luque, neurologo che ha operato Maradona, ha detto a radio La Red che l'ex campione sarà trasferito in una casa di cura nel nord di Buenos Aires, vicino alle sue figlie più grandi Dalma e Giannina. "È un paziente che vive agli estremi", ha detto Luque, aggiungendo che Maradona, attualmente allenatore del Gimnasia, potrebbe porre fine a stress potenzialmente dannosi per la sua salute.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti