Sanzioni Superlega, la sentenza prima dell’Europeo

Juve, Real e Barcellona rischiano l’esclusione dalle coppe
Sanzioni Superlega, la sentenza prima dell’Europeo© EPA

Poche ore prima della finale di Champions, le parole di Aleksander Ceferin lasciavano poco spazio alle interpretazioni. Il presidente dell’Uefa da un lato ribadiva la sua estraneità riguardo tempo e decisioni relative al procedimento contro Real Madrid, Barcellona e Juventus: «Il nostro comitato disciplinare è indipendente, quindi non so niente. Né quale sarà la portata della pena, né quando sarà resa nota». Dall'altro ribadiva la totale tranquillità riguardo a una paralisi del sistema internazionale a causa delle battaglie legali in vista contro i tre club della Superlega che già si sono tutelati con le misure cautelari emesse dal tribunale di Madrid: «Non possono paralizzare nulla, al massimo solo sé stessi», il commento di Ceferin. Che, non è un mistero, è al comando del partito di chi pretende pene esemplari nei confronti di Juve, Real e Barcellona. E le pene esemplari, in questo caso, non possono essere altro che le esclusioni dalla Champions: proprio quello che i tre club della Superlega ritengono andare contro i principi previsti dalla legge ordinaria, su cui si basa la loro tesi difensiva fin dalla prima ora. Anche su questo Ceferin però non teme sconfitte: «Un nuovo caso Bosman? No, è differente».

La svolta, pronti gli eventuali ripescaggi

Al di là di quale possa essere la pena in arrivo, un elemento fondamentale è rappresentato dai tempi. Perché poi ci saranno tutti i ricorsi del caso da parte dei tre club coinvolti, il fatto che le sentenze possano essere ribaltate aprirebbe ulteriori scenari capaci di coinvolgere i club in ballo dagli eventuali ripescaggi (in Italia ci sono Napoli, Roma e Sassuolo in attesa, in Spagna il problema si raddoppia con due posti in Champions che ballerebbero) e il rischio di paralisi è effettivo al netto delle rassicurazioni di Ceferin. A tale proposito però filtrano informazioni che parlano di una netta accelerata in vista delle decisioni dell'organo disciplinare, indipendente dall’Uefa: la sensazione è che la sentenza possa arrivare prima dell'inizio dell’Europeo, quindi nell'arco di una decina giorni, confermando le tempistiche di circa trenta giorni dall'apertura delle indagini (12 maggio).

Tutti gli approfondimenti sul Corriere dello Sport-Stadio

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti