Klopp, la Fifa e il Mondiale sbagliato

Klopp, la Fifa e il Mondiale sbagliato© EPA
3 min
Ivan Zazzaroni
TagsMondiali 2022FifaKlopp

«Questo Mondiale arriva nel momento sbagliato e per le ragioni sbagliate» ha detto Jurgen Klopp. Le ragioni le conosciamo tutte e da tempo, sono politiche e economiche - non a caso il presidente della Fifa Infantino si è trasferito a Doha, in Qatar, dove ha intenzione di restare a lungo -, e il momento non è sbagliato, è sbagliatissimo, per gli stessi motivi che hanno spinto Aurelio De Laurentiis a criticare la coppa d’Africa programmata a gennaio. «Se tutti i giocatori hanno un mese di stop, come accade in Germania per la pausa invernale, il problema non esiste» la spiegazione del tecnico del Liverpool. «Sappiamo come affrontarlo. Qui è diverso, alcuni calciatori giocheranno il Mondiale per più tempo rispetto ad altri e non va bene. Chi arriva in semifinale riprenderà con il club poco meno di due settimane dopo: si ricomincia il 26 dicembre. La finale è in programma il 18, otto giorni prima. Tutti sanno che non è giusto giocare un Mondiale che spezza la stagione agonistica, ma nessuno ne parla così spesso da tentare di cambiare le cose».

Argentina, il sogno Mondiale 2022 con questa maglia FOTO
Guarda la gallery
Argentina, il sogno Mondiale 2022 con questa maglia FOTO


E ancora: «Noi dovremmo dire: cari signori e signore, Fifa, Uefa, Premier League (e gli altri tornei top, aggiungo, nda), per favore, parlatevi. Servirebbe un incontro in cui tutti si siedono allo stesso tavolo e l’unico tema sono i giocatori, la componente fondamentale del gioco. Non è ancora successo perché gli allenatori sono sempre in bilico, ci sono e non ci sono».

Un intervento tra l’assunzione di responsabilità della categoria e il duro attacco alla Fifa, che per statuto dovrebbe in primo luogo tutelare il calcio e i suoi attori, e invece distrugge questo sport, minandone la regolarità. Falsandolo alla radice.
Qatar 22 si farà - è troppo tardi per fermarlo, troppi i miliardi e gli interessi, troppe le vittime -, non lasciatevi però ingannare dalle campagne moralizzatrici, o dai proclami populisti, e soprattutto non meravigliatevi se qualcuno fingerà di sovvertire il sistema. Questi signori pensano esclusivamente al potere, “il bene del calcio” non è mai una priorità. Pensate che per cambiare i regolamenti che riguardano mercato e agenti hanno creato una task force, ma in 4 anni e mezzo non è uscito nulla, solo lanci di stampa. Il regolamento nascerà morto perché ci sono i tribunali di mezza Europa pronti a invalidarlo, d’altronde è stato al solito scritto senza coinvolgere i diretti interessati.
Che fare allora? L’interrogativo suscitò in Lenin l’idea della rivoluzione. Posto a Franchi, quarant’anni fa, avrebbe ricevuto una risposta secca: «Giochino pure, l’Uefa non ci sta. Invito Argentina, Brasile e Uruguay e il Mondiale siamo noi». E Ceferin, dove lo mettiamo? A Doha?

Mondiali, lo sfogo di Klopp: "Arrivano al momento sbagliato, per le ragioni sbagliate"
Guarda il video
Mondiali, lo sfogo di Klopp: "Arrivano al momento sbagliato, per le ragioni sbagliate"

Commenti