Corriere dello Sport

Calcio Estero

Vedi Tutte
Calcio Estero

Ufficiale: Isco al Real fino al 2022. Clausola da 700 milioni

Ufficiale: Isco al Real fino al 2022. Clausola da 700 milioni
© REUTERS

Il fantasista andaluso, in scadenza il prossimo 30 giugno, prolunga la relazione con i blancos per altri 4 anni, con un significativo aumento dello stipendio e della clausola.

 Andrea De Pauli

giovedì 14 settembre 2017 16:15

MADRID (SPAGNA) - La notizia era nell’aria ormai da qualche tempo, ora arriva l’ufficialità: Isco e il Real Madrid hanno trovato l’intesa per il rinnovo. A darne notizia è stato lo stesso club, attraverso uno stringato comunicato. “Il Real Madrid e Isco si sono accordati per il prolungamento del contratto del giocatore, che rimane vincolato al club fino al 30 giugno del 2022”. Con questa mossa, pertanto, la Casa Blanca blinda anche Magia, che di qui in avanti potrà essere sottratto ai campioni d’Europa solo attraverso il pagamento della superclausola da 700 milioni. Si tratta del secondo annuncio di un rinnovo dei pezzi pregiati dato dal Real nelle ultime ore, dopo quello di Marcelo, che a sua volta ha rilanciato fino alla medesima estate del 2022. Esattamente come il terzino brasiliano, che ha officiato il rituale della firma nel primo pomeriggio, il fantasista andaluso si presenterà davanti a telecamere e microfoni alle 14 di domani, per spiegare le sue sensazioni.

TUTTO SULLA LIGA

CONVINTISSIMO - Niente da fare, dunque, per i numerosi club che avevano bussato alla porta del padre-procuratore del ragazzo, a cominciare dalla Juventus, per seguire con il Liverpool e il Manchester City, e concludere con gli eterni rivali del Barça. Isco, che era legato al Real da un contratto che sarebbe scaduto il 30 giugno del 2018, a partire dallo scoccare dell’anno nuovo avrebbe potuto discutere liberamente con i tanti estimatori che facevano la fila per poterselo portare via gratis, garantendogli un lauto stipendio e un premio alla firma. Alla fine, però, il crescente protagonismo negli schemi di Zidane e in quelli del selezionatore Julen Lopetegui lo hanno convinto a mettere radici a Madrid, il posto che, al momento, sembra garantirgli enormi possibilità di accrescere ulteriormente il suo ricco palmares, che al momento contempla, tra i vari trofei, una Liga, 3 Champions e 2 Mondiali per club.

@andydepauli

¡Qué Viva España!

Articoli correlati

Commenti