Los Angeles Galaxy, Katai mandato via dopo gli insulti razzisti della moglie

La franchigia americana ha annunciato la rescissione consensuale col centrocampista serbo

© EPA

LOS ANGELES (STATI UNITI) - Poche parole per dire che il rapporto con Aleksandar Katai è stato interrotto ma dietro la decisione dei Los Angeles Galaxy potrebbe esserci molto di più. La franchigia americana ha annunciato oggi in una nota la rescissione consensuale col 29enne centrocampista serbo, una notizia che arriva a due giorni dai post della moglie Tea, che sui social ha apostrofato con toni razzisti i manifestanti scesi per le strade di Los Angeles per chiedere giustizia dopo la morte di George Floyd. Secondo i media statunitensi, sarebbe stata la stessa Mls per spingere per la risoluzione avendo adottato una politica di tolleranza zero sul razzismo. (in collaborazione con Italpress)

Da non perdere





Commenti