"Coronavirus, il piano della Premier: cinque sostituzioni e no al Var"

Il Mirror conferma l'idea di riprendere a giocare tra giugno e luglio a porte chiuse
"Coronavirus, il piano della Premier: cinque sostituzioni e no al Var"© EPA

LONDRA (Inghilterra) - Se e quando ricomincerà ancora non si sa, ma intanto la Premier League continua a lavorare sulle modalità di ripresa e si prospettano un paio di novità all'orizzonte. Stando al 'Mirror', il resto della stagione potrebbe giocarsi senza Var: oggi, per ogni partita, vengono impiegate dietro il monitor tre persone nel quartier generale di Stockley Park, una situazione in cui verrebbe meno quel metro di distanza necessario per prevenire il contagio da coronavirus. Ecco perché si sta pensando di congelare la tecnologia in caso di ripresa. Se poi dovesse andare in porto il piano di completamento della stagione - 92 partite a porte chiuse fra giugno e luglio, con le 20 squadre in isolamento e concentrate in una sola zona - le sostituzioni consentite passerebbero da tre a cinque per far fronte agli inevitabili impegni ravvicinati.
(In collaborazione con Italpress)

Premier, l'idea per finire il campionato
Guarda il video
Premier, l'idea per finire il campionato

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti