Incredibile Özil, 375mila sterline a settimana per non giocare mai

Arteta, tecnico dell’Arsenal, ha escluso il tedesco dalla lista per la Premier e l’Europa League. Storia di un campione del mondo da 18 milioni all’anno che non gioca una partita dal 7 marzo e a giugno andrà via gratis

© ANSA
Stefano Chioffi

Özil riceve dall'Arsenal sul suo conto in banca 375.000 sterline a settimana, un milione e mezzo al mese e diciotto all’anno. Non gioca mai, però. È fuori dalla lista per la Premier e l’Europa League. Si allena ogni giorno, arriva al campo sempre in orario, ma il tecnico Arteta, basco di San Sebastian ed ex vice di Guardiola nel Manchester City, non lo ritiene utile per il suo progetto e per il 4-3-3.

Özil messo in un angolo dall'Arsenal

Si è creato un muro altissimo tra l’erede di Emery e il fantasista tedesco, campione del mondo con la Germania nel 2014. Zero dialogo anche con il club londinese, dopo la decisione di rifiutare in estate ogni offerta dall’estero e di ridiscutere le cifre del suo ingaggio. Özil, 32 anni, ha un contratto fino al 30 giugno del 2021, è arrivato all’Arsenal dal Real Madrid nel 2011 e non gioca una partita in Premier dallo scorso 7 marzo: vittoria per 1-0 sul West Ham con un suo assist per il gol di Lacazette. Due giorni fa, sul suo profilo Instagram, ha pubblicato una lettera aperta ai tifosi: “Lasciato in un angolo dal club di amo, non mi è più permesso di giocare a calcio. Ho capito che di questi tempi la lealtà è una dote rara”.

Ozil con l'ombrello per il sole in Southampton-Arsenal
Guarda la gallery
Ozil con l'ombrello per il sole in Southampton-Arsenal

Özil, comportamento esemplare

Con la maglia numero dieci dei Gunners ha conquistato quattro Coppe d’Inghilterra e quattro Community Shield. Era uno dei “generali”, uno degli intoccabili della squadra guidata da Wenger. Difficile, comunque, anche il rapporto avuto in seguito con Emery, mentre ora con Arteta è maturato lo strappo definitivo. Separato in casa. Ma con un comportamento sempre rispettoso delle regole: mai un ritardo, mai un allenamento saltato, mai una risposta sbagliata, in attesa di svincolarsi tra un anno. Con diciotto milioni in più.

Commenti