Premier League, comunicato ufficiale contro la Superlega

La nota sul sito ufficiale del campionato inglese: "I 14 club presenti alla riunione hanno respinto all'unanimità e con vigore i piani per la competizione"
Premier League, comunicato ufficiale contro la Superlega© ANSA

LONDRA - "La Premier League, insieme alla FA, ha incontrato oggi i club per discutere le implicazioni immediate alla proposta della Super League. I 14 club presenti alla riunione hanno respinto all'unanimità e con vigore i piani per la nuova competizione.". È la nota ufficiale apparsa sul sito del campionato inglese con la quale si condanna la nuova competizione che ha ben 6 club inglesi tra i suoi fondatori, ovvero Manchester City, Manchester United, Chelsea, Liverpool, Tottenham e Arsenal

Premier, protesta dei tifosi contro la Superlega
Guarda la gallery
Premier, protesta dei tifosi contro la Superlega

Il messaggio per i tifosi

"La Premier League sta valutando tutte le azioni possibili - prosegue il comunicato - per impedire il progredire della nuova competizione. La Lega inglese continuerà a lavorare con le parti interessate, inclusi i tifosi, il governo, UEFA, FA, EFL, PFA e LMA per proteggere gli interessi del calcio e invita i club presenti nella competizione a cessare immediatamente il loro coinvolgimento.". La nota termina con un ringraziamento a tutti quelli che si sono dimostrati contrari in questi giorni: "La Premier League desidera ringraziare i tifosi e tutte le parti interessate per il supporto su questo tema importante. La reazione che si è generata dimostra quanto il calcio significhi per le persone.".

Superlega: "Pronti in cinque mesi". Ceferin: "Ripensateci subito"
Guarda il video
Superlega: "Pronti in cinque mesi". Ceferin: "Ripensateci subito"

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti