Chelsea, Sarri cambia la dieta: addio ai divieti di Conte

Secondo il «The Telegraph» il tecnico dei Blues ha varato regole più permissive rispetto al precedecessore anche sui ritiri prepartita
Chelsea, Sarri cambia la dieta: addio ai divieti di Conte

ROMA - Il Chelsea di Maurizio Sarri è ancora un cantiere aperto, ed è inevitabile che sia così a un mese esatto dalla sua ufficializzazione. La sua impostazione tattica sta gradualmente entrando sottopelle ai Blues ma la rivoluzione dell'allenatore toscano non riguarda solo il modo di giocare. La discontinuità con il suo predecessore si può notare anche dal modo di relazionarsi ai giocatori, soprattutto dal punto di vista delle regole. A rivelarlo è il «The Telegraph» che spiega quali siano stati gli accorgimenti per creare un clima più positivo.

DIETA E RITIRO - Rispetto ad Antonio Conte, ci sono regole meno stringenti. La notte prima delle partite casalinghe serali, non c'è più l'obbligo di passare la notte tutti insieme all'hotel Chelsea Harbour. Questa imposizione era considerata molto negativa dai giocatori che ora dormono a casa e raggiungono i compagni il mattino successivo. Un altro aspetto molto importante della rivoluzione è la dieta: Sarri ha allargato le tipologie di cibi nella mensa del training center abbattendo alcuni paletti di Conte. Secondo il quotidiano inglese insomma l'ex allenatore del Napoli con questi accorgimenti sta cercando di creare uno spogliatoio più rilassato e quindi più incline ad assimilare la sua filosofia calcistica.

 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti