Argentina "spuntata" senza Lautaro, Ospina ferma l'Uruguay

L'infortunio del Toro condiziona la prestazione della nazionale di Scaloni, che non trova il gol in Paraguay. Grandi parate del portiere del Napoli in Uruguay-Colombia
Argentina "spuntata" senza Lautaro, Ospina ferma l'Uruguay
TagsMondialiargentinaBrasile

ROMA - Rischia più del previsto il Brasile, ma alla fine riesce a ottenere la nona vittoria su nove nel girone di qualificazione per i Mondiali 2022, ribaltando il risultato contro il Venezuela. Sono i padroni di casa infatti a passare in vantaggio dopo 11 minuti con Eric Ramirez e la Seleçao riesce a rialzarsi solo a partire dal 71', quando Marquinos dà avvio al ribaltone firmato successivamente da Gabigol (rigore) e Antony. Rimasto in campo per 77 minuti lo juventino Danilo, mentre il compagno di squadra Alex Sandro è entrato solo nel recupero. Senza Lautaro Martinez (infortunato e nemmeno in panchina) finisce 0-0 la partita tra Paraguay e Argentina. A guidare l'attacco insieme a Messi per la nazionale del ct Lionel Scaloni è stato Joaquin Correa, ma l'Albiceleste non è riuscita a sbloccare il risultato (proprio per scarsa lucidità sottoporta del Tucu, sostituito al 75' dal giovane Alvarez), rischiando pure grosso nella ripresa quando Martinez si deve superare per intercettare i tentativi di Almiron e dell'attaccante del Torino Antonio Sanabria.

Paraguay-Argentina, invasione di campo per un selfie con Messi
Guarda la gallery
Paraguay-Argentina, invasione di campo per un selfie con Messi

Le altre partite

Pari a reti bianche anche nella sfida di Montevideo fra Uruguay (in campo gli "italiani" Godin, Nandez, Vecino e Bentancur, quest'ultimo fino al 77', poi è stato sostituito da Gaston Pereiro) e Colombia (titolari Ospina - autore di alcune parate super su Vecino e Luis Suarez - e Cuadrado, lo juventino per 80 minuti, subentrato al 58' Duvan Zapata), un pareggio che serve poco a entrambe, con la Celeste che viene agganciata al terzo posto a quota 16 dall'Ecuador.

A Guayaquil prova di forza dei padroni di casa contro la Bolivia: un 3-0 che matura fra il 14' e il 19' con il gol di Estrada e la doppietta di Enner Valencia (ora il miglior bomber di sempre della sua nazionale con 33 reti). Pericolosa la situazione per il Cile, ora a -7 da quel quinto posto che garantirebbe almeno gli spareggi intercontinentali: la Roja (90' per Alexis Sanchez, Medel e Pulgar) esce battuta 2-0 dalla trasferta peruviana, con un gol per tempo a firma Cueva e Pena. La squadra di Gareca allunga in classifica sugli stessi cileni, ora terzultimi con appena 7 punti dopo 10 giornate.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti