Corriere dello Sport

Splendide e così italiane
Calcio Femminile
0

Splendide e così italiane

Confesso che ho urlato. Al gol della Giacinti, il primo, è partito un “e andiamo, cavolo!” che ha riempito la redazione - per la verità non ho chiuso l’esclamazione con un richiamo all’ortaggio: ma almeno oggi prevalgono l’educazione e la misura (mie).

Le ragazze della Bertolini sono riuscite a prendermi, coinvolgermi - è tutto così sorprendente - e adesso sono curioso di sapere quanti altri italiani hanno seguito in tv la loro impresa al Mondiale: uno su tre?, uno su due?

Sono state perfette. Non bellissime ma perfette tatticamente, superiori alle cinesi per atteggiamento, determinazione: difesa e contropiede, la voglia di superare anche sé stesse, desiderio e insaziabilità, così pienamente e orgogliosamente italiane. Gama, Linari e Bartoli hanno sbagliato pochissimo, Cernoia e Giugliano hanno dato sostanza in mezzo. E sono arrivati i gol di Giacinti e Galli, e i quarti con l’Olanda, sfida che vale un’Italia-Spagna maschile. Loro fortissime, noi italiani. Pardòn, italiane-italianissime. 

Hanno vinto le donne, esplosive, vitali, piene di slanci. E ha vinto chi per decenni ha creduto che anche in Italia il calcio femminile potesse uscire davvero dall’adolescenza, quasi una condanna. Ha vinto chi non si è fermato di fronte alla formula “il calcio è uno sport per maschi”. Ha vinto l’ostinazione della passione, parole non casualmente femminili. Ieri hanno vinto soprattutto le azzurre che dopo ogni partita ringraziano il Paese per il sostegno e si augurano di poterci regalare altri sorrisi, prim’ancora che sogni ed emozioni.

Due anni fa l’Italia non riuscì a superare la fase a gironi degli Europei, ora è nei quarti del Mondiale più qualitativo di sempre: una rapidissima crescita le cui origini sono in primo luogo gli investimenti fatti da alcuni club di Serie A e dalla tv e la guida consegnata alla Bertolini. Che prima della partita aveva dichiarato di puntare sulla fantasia. Ha avuto talmente tanta fantasia da riuscire a dimenticarsela nello spogliatoio per puntare su quelle che sono le caratteristiche della nostra tradizione.

A inizio dicembre venne a trovarci al giornale Valentina Giacinti, la bomber del Milan, una ragazza deliziosa e educatamente trattenuta. Raccontò dei sacrifici sostenuti per giocare a pallone, mi trasmise una passione la cui purezza non avvertivo da anni. Mai avrei potuto immaginare che sei mesi dopo sarei stato capace di urlare di gioia al suo gol. 
 

Tutte le notizie di Calcio Femminile

Per approfondire

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...

In edicola

Prima pagina