Corriere dello Sport

Juve

Vedi Tutte
Juve

Abodi: Conte profilo giusto per l'Italia

© Ansa

Il presidente della Lega di B: «Ha le giuste caratteristiche dal punto di vista tecnico e caratteriale»

 

mercoledì 16 luglio 2014 13:16

ROMA - Antonio Conte "ha le caratteristiche dal punto di vista tecnico e caratteriale" per fare il ct della Nazionale italiana, "ma le valutazioni dovrà farle il nuovo Presidente federale". È quanto ha dichiarato Andrea Abodi, presidente della Lega di Serie B e considerato fra i possibili candidati alla successione di Giancarlo Abete alla guida della Federcalcio. Intervistato da Rtl 102.5, Abodi ha aggiunto che "quello del selezionatore della Nazionale è un lavoro particolare, non è quello dell'allenatore, sono due mestieri diversi. Intanto bisognerebbe vedere se Conte sarà interessato nel caso, piuttosto che andare all'estero a fare altre esperienze, o magari il Presidente insieme ai suoi collaboratori hanno un'idea di selezionatore diversa. Si parte dall'identikit, in Italia si parte sempre dal nome e dal cognome, io invece parto da quello che dovrebbe essere e dovrebbe fare, il nome poi arriva in fondo".

"Io candidato? No, sicuramente no. L'ho detto e solitamente quando dico una cosa la confermo sempre nei comportamenti. Ho degli altri impegni che ho preso e anche degli altri obiettivi ma io credo che più che cercasi Presidente sia cercasi soluzioni, cercasi programma, cercasi contenuti, le persone poi arrivano".
Di fronte all'ipotesi di un tramonto della candidature di Tavecchio o Albertini e a una sua successiva eventuale scesa in campo, Abodi ha aggiunto: "Rispondere adesso sarebbe fuori luogo, al momento rimango della mia posizione con delle ragione molto forti: ho un impegno che ho preso un anno e mezzo fa, devo ancora completare tante cose insieme ai nostri club, alla nostra squadra, ho ancora un anno e mezzo - due anni di lavoro, problemi ancora in mezzo al guado, sarebbe anche un pò irresponsabile lasciarli. Preferisco responsabilizzarmi nel trovare una soluzione più che essere io la soluzione". La serie B, per il presidente della sua Lega, è 'un modello in via di consolidamento, abbiamo ancora molte cose da fare. La scossa è una spinta necessaria, non tanto perché ci accontentiamo delle cose positive, ma perché lavoriamo sulle cose negative, sappiamo quali sono le nostre criticità e una di queste riguarda le infrastrutture'.

Per Approfondire